SissiWorld - Kids&Mums Fashion Beauty and Lifestyle Blog
For KidsKids fashionKids outfitsLetkidsbekids

Come vestire i bambini a primavera: un kids outfit con colori chiari

Vestire i bambini a primavera è piuttosto semplice: dal punto di vista dei pesi la parola d’ordine è vestirsi a strati, mentre dal punto di vista dei colori il mio consiglio è di aprirsi alle fantasie, alle stampe, ai colori sorbetto (giallo, fucsia, rosso sono alcuni fra colori più trendy della primavera estate 2017) e anche ai colori chiari, come il panna, il beige e il bianco. Read More

LifestyleTravel

Dove dormire a Ravenna: il nostro B&B in una posizione strategica

Il viaggio è una specie di porta attraverso la quale si esce dalla realtà come per penetrare in una realtà inesplorata che sembra un sogno (Guy de Maupassant)

Un weekend a Ravenna rappresenta un viaggio ideale per accontentare tutta la famiglia: parchi divertimenti a 10 minuti di auto, buon cibo e ottimo vino, tesori di arte e architettura a portata di passeggiata, un centro storico vivibile e facilmente percorribile con tanti bei negozi.

Guida turistica alla mano, siete pronti a partire, ma… dove alloggiare a Ravenna?Read More

BrandsFor KidsKids fashion

Hudson Kroenig per Karl Lagerfeld Kids SS17

Nella collezione primavera estate Karl Lagerfeld Kids 2017 c’è anche la firma di una guest star molto speciale: Hudson Kroenig.

Hudson Kroenig con Karl Lagerfeld e Cara Delevingne per Chanel alla Paris Fashion Week SS14 – Via Web

Un passo indietro: chi è Hudson Kroenig?

Hudson Kroenig è il figlio del modello Brad Kroenig e figlioccio dello stilista (sì, avete letto bene: Karl è stato il suo padrino di Battesimo). A otto anni, Hudson vanta già un lungo curriculum, avendo iniziato a calcare le passerelle dall’età di soli 3 anni. Hudson conosce Rihanna e Anna Wintour, Katy Perry, Gisele… ama sfilare e posare con Cara (Delevingne) perchè con lei scherza e si diverte.

Con Cara Delevigne e Pharrell Williams per Chanel – Via web

 

Con Joan Smalls per Chanel Cruise 2015 – Via Web

I miei capelli sono biondi. I miei occhi sono marroni. La mia pelle è leggermente beige, un po’ dorata. Sono alto 125 centimetri. Ho i muscoli e sono magro come papà.

La mamma? Nicole Bollettieri è la figlia di Nick Bollettieri, preparatore atletico di stelle del tennis del calibro di Serena Williams e Andre Agassi. Hudson ha anche un fratellino minore, Jameson, di 3 anni.

Con la sua famiglia – Via web

Hudson Kroenig per Karl Lagerfeld Kids SS17

Come tutti i bambini, Hudson ama disegnare e la sua passione per il disegno ha portato Karl Lagerfeld a commissionargli uno schizzo per la nuova collezione kids. Strizzando l’occhio al padrino, il giovanissimo stilista ha composto con la propria grafia da bambino il nome del designer, tra ghirigori giocosi e stelle filanti dagli allegri colori.
Questo delizioso disegno è proposto su una t-shirt per ragazzo, su una canottiera e su una tote bag per ragazza, in vendita sull’e-shop kidsaround.com

BeautyFor moms

PuroBIO Cosmetics: Beleza. Una collezione primavera estate 2017 piena di colore

Ci porta nella natura rigogliosa e selvaggia e con il suo nome, Beleza, la collezione di PuroBIO Cosmetics per la primavera estate 2017 rievoca i colori del Brasile, della foresta Amazzonica.

Verde, giallo, fucsia, blu: colori che incitano alla passione, al movimento. Ispirandosi alla natura, richiamano le sue due caratteristiche che meglio si addicono al nostro mondo femminile: forza ed eleganza.

La collezione primavera estate 2017 di PuroBIO Cosmetics non solo è ispirata alle tendenze delle passerelle (tanto giallo, azzurro e verde, decretato da Pantone colore dell’anno 2017), ma soddisfa anche le richieste delle appassionate di make-up bio introducendo i blush!

Piccione.Piccione SS17 (Via Web)

PuroBIO Cosmetics: Beleza – i nuovi blush

Con la collezione Beleza, PuroBIO Cosmetics introduce i blush in quattro colorazioni, per riuscire a soddisfare le esigenze di ogni incarnato. I prodotti sono molto pigmentati, 100% naturali e come sempre certificati bio da CCPB.
La durata è ottima, nonostante la ottima pigmentazione risultano facilmente sfumabili e la texture è piacevole e vellutata al tatto. Prezzo 9,90€

01 rosa chiaro, satinato con lievi riflessi dorati: è l’ideali per le pelli molto chiare chiare e per un look bon-ton. Voto 7

02 rosa corallo, matte: dona un effetto bonne mine e valorizza quasi tutte le carnagioni, grazie al colore modulabile. Voto 8

03 pesca, finish satinato: molto delicato, adatto ad illuminare leggermente le guance grazie a riflessi dorati. Voto 7

04 mattone, finish matte: per le carnagioni più scure o per make-up importanti, sexy. Voto 7

Da sinistra: 01 – 02 – 03 – 04
Da sinistra: 01 – 02 – 03 – 04

PuroBIO Cosmetics: Beleza – pennello n.11

Per applicare i nuovi blush, ecco che arriva il nuovo pennello n.11: un kabuki angolato, dal taglio arrotondato, morbido e flessibile. Utile non solo per il blush ma anche per tutti i prodotti per lo sculpting, che necessitano di un effetto omogeneo e sfumato. Prezzo 15,60€. Voto 8

PuroBIO Cosmetics: Beleza – i nuovi ombretti

La collezione Beleza aggiunge due colori alla gamma di ombretti PuroBIO, colori vivaci e vibranti, bellissimi per creare sfumature, da indossare soli o combinati. Disponibili sia in formato refill, da usare come ricarica nel nuovo packaging magnetico o da inserire nella palette (in cui potrete posizionare fino a 8 ombretti o 2 ombretti e 2 blush). Prezzo 6,90€

17 verde prato: più greenery di così! Un verde erba, acceso e scrivente, bello con gli occhi nocciola o comunque scuri. Voto 8

18 giallo indiano: un giallo caldo, opaco, scrivente, intenso. Ricorda le spezie dei mercati orientali e sarà perfetto per chi ha gli occhi azzurri per risaltarne il colore. Voto 8

PuroBIO Cosmetics: Beleza – le nuove matite

Le nuove matite, come il resto della collezione, rispecchiano i trend della moda donna di stagione e vi permetteranno di realizzare degli splendidi make-up in perfetta armonia con i vostri outfit. Sono matite molto scriventi, morbide ma non pastose, sfumabili. Prezzo 5,90€

42 Celeste: perfetta per i look da giorno, ottima per delineare la rima lacrimale come un kajal o per la linea dell’eyeliner e anche per creare delle sfumature in combinazione agli ombretti. Voto 7

43 Nude: un colore must have! In ogni beauty che si rispetti dovrebbe esserci una matita nude (o color burro): ottima per ingrandire l’occhio se applicata nella rima interna, potete usarla anche sul viso per creare dei punti luce, oppure  sotto l’arcata sopraccigliare e per illuminare il contorno labbra. Voto 8

PuroBIO Cosmetics: Beleza – i nuovi rossetti

I rossetti PuroBIO si contraddistinguono in generale per un ottimo rapporto qualità/prezzo. Alla collezione permanente si aggiungono con Beleza due nuove tonalità, colorate, che sanno di primavera, di frutta, di cocktail golosi. Prezzo 11,90€

09 Rosa scuro: è un rosa che svela un sottotono riscaldato da una punta di corallo. Con un finish semi-opaco, l’applicazione risulta scorrevole e vellutata, lasciando le labbra morbide. Voto 8,5

10 Magenta chiaro: è un fucsia semi-opaco, vivace e frizzante. Voto 8

Sinistra: 09 – Destra: 10
Sinistra: 09 – Destra: 10

PuroBIO Cosmetics: Beleza – la matita phantom

E’ una matita trasparente, con Olio di cocco biologico e cere vegetali che la rendono cremosa. Oltre all’utilizzo tipico per contornare le labbra ed evitare sbavature può essere usata anche in altri modi: come primer occhi per prolungare la durata degli ombretti ed esaltarne il colore, per creare eyeliner con gli ombretti, per fissare le sopracciglia tipo cera. Prezzo 5,90€. Voto 7,5

BrandsFor KidsKids fashion

MANUELA DE JUAN: il nuovo flagshipstore di Madrid

HABLAS ESPAÑOL? Pincha aquì!

La empresa fabricante de calzado infantil Tritex Corporation (que produce MAÁ, Akido y Manuela de Juan) abre su primera tienda propia en España bajo el nombre de su marca más longeva, Manuela de Juan.

La primera tienda Manuela de Juan, ubicada en la calle Lagasca 67 de Madrid, ha abierto el 16 de febrero, con una gran fiesta de inauguración. En la tienda se comercializan las tres marcas del grupo: MAÁ, Akido y Manuela de Juan.
Desde los inicios de su actividad, Tritex Corporation ha comercializado sus marcas por todo el mundo a través de tiendas multimarca, llegando a operar a día de hoy en 67 países. Y ahora, por primera vez, el grupo abre tienda propia como parte de su estrategia de empresa. El objetivo es reforzar su posicionamiento a nivel nacional y emprender su crecimiento internacional a gran escala de cara al futuro y como parte de su fase de madurez.

Su marca más veterana, Manuela de Juan, nació en 1970 y desde entonces ha ganado un lugar en los principales mercados internacionales. Su piel de primera calidad y su diseño elegante ha tenido muy buena acogida en mercados de Oriente, Asia y Europa, especialmente, mercados seguidores de la estética clásica. También por esta razón, la aristocracia es fiel seguidora Manuela de Juan, ya que la Familia Real de Dinamarca y la Familia Real de Suecia, ambas, forman parte también de su lista de clientes adeptos.
La marca MAÁ, sin embargo, representa un concepto totalmente opuesto pues su estilo, rebelde y desenfadado, está inspirado en la costa oeste californiana, lo que la convierte en marca de deseo para los EE.UU o Australia. El efecto es tal que hasta celebrities como Jessica Alba, Alessandra Ambrosio, Sarah Jessica Parker o Angelina Jolie calzan los pies de sus hijos con MAÁ.
Su más reciente creación es Akido, la marca vegana del grupo que, a diferencia de las otras marcas, no utiliza ningún componente de origen animal en su composición, sino tejidos de origen orgánico, como algodón ecológico y microfibras transpirables. Asimismo, como novedad, la compañía agrega el sistema de vulcanizado en su proceso de producción a través de esta nueva marca.
Las marcas de Tritex Corporation son de estilos muy diferenciados pero todas comparten un objetivo común muy claro, el de ofrecer calidad y confort en el calce del pie del niño. Ante un escenario tan cambiante como es la moda y un estado pasajero como es la etapa de desarrollo del niño, muchas madres no le dan la verdadera importancia que llevan sus hijos. A la hora de vestir, en la mayoría de los casos, ven el zapato como algo secundario y estacional, olvidando que el pie en crecimiento está en su etapa más delicada y que del calzado utilizado en esta etapa depende la futura salud del niño. Este es un mensaje la compañía quiere dar a conocer a través de su presencia en la nueva tienda de Madrid.

El diseño de la tienda en Lagasca supone una auténtica fusión inspirada en la personalidad de las tres marcas, MAÁ, Manuela de Juan y Akido. El nuevo “concept store”, además de contar con materiales nobles en su mobiliario y un diseño cosmopolita, dispone de la más avanzada tecnología, a través de la instalación de un espejo interactivo que sirve de plataforma de juegos para los niños mientras sus madres compran. Asimismo, la tienda ofrece una política de servicio al cliente premium que contemple, no solo un trato de atención excelente, sino también la puesta en marcha de servicios exclusivos tales como es la personalización de los zapatos bajo demanda.

 

Il brand spagnolo di scarpe per bambini Tritex Corporation (produttore di MAA, Akido e Manuela de Juan) ha aperto il suo primo negozio monomarca in Spagna,  sotto il nome del suo primo marchio, Manuela de Juan.

Il primo negozio monomarca Manuela Juan, che si trova in Calle Lagasca 67 a Madrid, ha aperto il 16 febbraio, con una grande festa di apertura.

MAA, Akido e Manuela de Juan: sono i tre marchi del gruppo commercializzati nel concept store.
Fin dall’inizio della sua attività, Tritex Corporation ha commercializzato i suoi marchi in tutto il mondo attraverso negozi multimarca, ad oggi in 67 paesi. E ora, per la prima volta, il gruppo si apre proprio monomarca come parte della loro strategia di business. L’obiettivo è quello di rafforzare la propria posizione a livello nazionale e di impegnarsi nella crescita internazionale su larga scala nel futuro e come parte della sua fase matura.

Il marchio più anziano, Manuela de Juan, è nato nel 1970 e da allora ha guadagnato un posto di rilievo nei principali mercati internazionali. La sua pelle premium e il design elegante sono stati ben accolti nei mercati di Asia, Oriente e Europa, mercati che da sempre amano l’estetica classica. Anche per questo motivo, le case reali sono fedeli a Manuela de Juan, come la Famiglia Reale di Danimarca e la Famiglia Reale di Svezia, entrambe clienti.
La marca MAA rappresenta un concetto totalmente opposto e con uno stile ribelle e sicuro di sé si ispira alla costa occidentale della California, il che lo rende il brand must have per Stati Uniti e Australia. L’effetto è tale che anche celebrities come Jessica Alba, Alessandra Ambrosio, Sarah Jessica Parker o Angelina Jolie vestono i piedi dei loro figli con MAA.
La più recente creazione è Akido, il marchio vegano che non fa uso di alcun componente di origine animale nella loro composizione, utilizzando tessuti di origine organica, come il cotone bio e microfibre traspiranti. Altra novità, l’azienda aggiunge il sistema di vulcanizzazione nel proprio processo produttivo attraverso questo nuovo marchio.
I marchi di Tritex Corporation hanno dunque stili molto diversi, ma tutti condividono un comune obiettivo molto chiaro: offrire comfort e qualità al piede del bambino nella fase di crescita. Di fronte all’abbigliamento che subisce cambiamenti repentini e segue i trend della moda stagione dopo stagione, spesso molte madri non danno la giusta importanza a ciò che indossano i loro figli. Quando vestono i loro bambini, nella maggior parte dei casi, le mamme vedono la scarpa come un elemento secondario e stagionale, dimenticando che il piede del bambino in crescita è nella sua fase più delicata e che le calzature usate in questa fase sono importantissime per la salute futura. Questo è un messaggio che l’azienda vuole introdurre attraverso la sua presenza nel nuovo negozio a Madrid.

Il design del negozio di Calle Lagasca è una vera fusione, ispirata alle personalità dei tre marchi: MAA, Manuela de Juan e Akido. Il nuovo concept store, oltre ad avere materiali nobili nell’arredamento e un design cosmopolita, offre la tecnologia più avanzata, attraverso l’installazione di uno specchio interattivo che funge da piattaforma per i giochi per i bambini mentre le mamme stanno facendo shopping. Inoltre, il negozio offre una politica di servizio al cliente premium che non solo tratta in maniera eccellente i clienti, ma prevede anche la realizzazione di servizi esclusivi come la personalizzazione su richiesta.

Insomma, se per la bella stagione prevedete un weekend a Madrid, ecco l’indirizzo da segnare in agenda: Manuela de Juan Flagship Store, Calle Lagasca 67, Madrid

Riflessioni

Festa della donna: sciopero sì o sciopero no?

Ancora una festa della donna, ancora mimose, ancora tanti discorsi – più o meno banali e qualunquisti.

Poi il grande tema dello sciopero: un segno di protesta, certamente.

Un 8 marzo di lotta anche in Italia. La Rete Non Una Di Meno aderisce allo sciopero globale in occasione della Giornata internazionale della donna insieme ad altri 40 Paesi nel mondo. L’8 marzo tornerà a essere un momento di mobilitazione femminista attraverso lo strumento dello sciopero generale, indetto ad oggi dalle sigle sindacali: Usi, Slai Cobas per il sindacato di Classe, Cobas, Confederazione dei Comitati di Base, Usb, Sial Cobas, Usi-Ait, Usb, Sgb, Flc Cgil, per garantire un’astensione reale dal lavoro produttivo e riproduttivo e il coinvolgimento delle donne dentro e fuori i luoghi i lavoro.

Se le nostre vite non valgono, noi scioperiamo. #NonUnaDiMeno #LottoMarzo

Poi leggo sui vari social che si può astenere anche chi non ha un lavoro dipendente, chi lavora come mamma, evitando appunto anche l’accudimento dei propri figli. Non sono un avvocato o un operatore dei servizi sociali, ma un mancato accudimento mi sembra qualcosa di piuttosto grave per un genitore e che vada al di là di ogni opinione politica/sessista o rivendicazione. Mi sembra assolutamente grave che venga consigliato ad una madre di rivendicare la propria femminilità abbandonando per 24h ciò che di essa fa parte, i figli.

Lo sciopero come manifestazione di un problema, di un disagio, come protesta contro le istituzioni per rivendicare il ruolo femminile in una società che – i numeri parlano chiaro – è attualmente ben lontana dalla parità tra i sessi, può essere UNA via, ma non LA via.

Amiche donne, LA VIA SIAMO NOI.

Siamo noi per prime a discriminarci, a criticarci, a denigrarci. A dare ragione al maschilismo nella sua forma più bieca. E’ bastato che una ragazza arrivasse a sedersi sulla cattedra di Harvard per scatenare insulti sui social: e no, non dai maschi, insulti dalle donne. Tutti contro Chiara (Ferragni).

Se una donna ce la fa, se si realizza, sono proprio le donne quelle che cercano subito il difetto, che offendono e insultano. Invidia? Sicuramente, ma c’è anche dell’altro: il successo altrui non fa che rimarcare il nostro insuccesso, porta a galla le nostre incapacità e i nostri limiti. E trasforma la frustrazione in rabbia. E in insulti.

La via alla vera parità tra i sessi è a mio avviso questa: le donne facciano pace con loro stesse.

Partendo da dentro, perdonando per prime se stesse per quello che sono e che avrebbero voluto essere, fino ad arrivare alle altre donne, diventando capaci di stringersi la mano, di congratularsi a cuore aperto e leggero, di collaborare.

Solo così, forse, potremo raggiungere la parità. Solo accettando il nostro essere donne con i tanti pregi e le mille debolezze e limiti, potremmo dimostrare quanto valiamo sul lavoro, in politica, come madri.

Come mamma di una bambina, ho sempre cercato di dare a lei l’esempio: complicità, amicizia, generosità, disponibilità tra donne. Spesso mi ha visto soffrire, altre volte ha visto persone e situazioni scivolarmi addosso. Mi ha visto impegnarmi tra tre lavori, tutti belli quanto diversi, mi ha visto impegnarmi come madre, come moglie, dormire poco… e ancora, a volte, essere discriminata come professionista.

8 marzo: oggi voglio spiegare a mia figlia perché è bello sostenersi tra donne, perché è bello essere donna e quanto è difficile esserlo. E no, non sciopero: continuerò a lavorare e ad impegnarmi con e per mia figlia, proprio come faccio ogni giorno.

Lifestyle

Un regalo per la festa del papà

Cosa regalare per la festa del papà? A scuola Sissi è intenta in splendidi e teneri lavoretti, che sicuramente conserveremo nell’album dedicato… ma ogni anno aggiungiamo un piccolo regalo, un pensiero.

Soprattutto per questa festa del papà, che arriva in un periodo che ci ha visti provati per il terremoto, pensierosi per la quotidianità legata ad esso. Un periodo in cui papà va via presto la mattina e torna tardi la sera.

Vogliamo scegliere anche un regalo per la festa del papà

Parliamo spesso di beauty e un regalo beauty è spesso un refugium peccatorum: un profumo, una buona crema, un prodotto per la barba. Nel nostro caso però il regalo beauty è stato scartato perchè desideravamo qualcosa di simbolico, qualcosa che potesse avvicinarci a papà anche nei momenti (molti) in cui siamo lontani.

Un regalo per la festa del papà: 7 idee che ci tengono vicino al cuore del papà

Per i papà più fashion, uno dei gioielli Cesare Paciotti da uomo: a voi la scelta se nella versione in acciaio o in quella in pelle dal carattere più tribal. Un pensiero che rimane e che sicuramente ricorderà il nostro affetto ogni volta che papà lo guarda!

Per i papà sempre connessi e in movimento, idee utili e innovative per rimanere sempre in contatto (con noi, ovviamente!) possono essere la tastiera che si alimenta con l’energia del sole oppure il battery pack che si ricarica ad energia solare.

Per i papà sportivi, la scelta non può che ricadere un paio di auricolari bluetooth (per chiamarci in ogni momento con le mani libere e senza l’ingombro dei fili) o su un fitness tracker (che monitorano anche lo stato di salute)

Per i papà che vogliono sempre le ultime novità in fatto di tecnologia, sicuramente un dispositivo per la realtà virtuale… che sicuramente sperimenteranno sulle console di gioco (magari assieme ai vostri bambini!)

Sicuramente con uno di questi pensieri papà sarà sempre in contatto con noi, anche quando fisicamente è lontano!

Secondo voi quale avrà scelto Sissi?

BrandsFor KidsKids fashionLetkidsbekidsOnline shops

Willy&Nilly, T-Shirt che raccontano storie e macchiarsi non è più un problema!

Parlo spesso con le mamme che mi chiedono consiglio su outfit e brand o sulla vestibilità dei modelli: un denominatore comune è sempre il rifiuto del bianco e dei colori chiari perchè si sporcano facilmente

Non ho mai rimproverato Sissi per una macchia: certamente mi dispiace se un capo si rovina, ma penso che macchie accidentali e tracce di pennarelli facciano parte dell’essere bambini e – se correttamente gestite dal bambino e accettate da noi mamme – diventano un momento di crescita. Nel tempo Sissi è diventata una bimba che sa prestare attenzione ai propri oggetti (abbigliamento incluso): ha imparato il rispetto per le cose.Read More

BrandsFor KidsKids fashion

Carrément Beau SS17: una stagione in blu

Lo avete visto nei social e nel blog in uno dei nostri recenti shopping online, mi avete chiesto più informazioni su questo brand relativamente nuovo (alla sua quarta stagione)… e oggi vi racconto Carrément Beau SS17.

Carrément Beau immagina una collezione primavera/estate 2017 ultra-chic e contemporanea, che possiamo suddividere idealmente in quattro guardaroba, che abbracciano a 360 gradi il childrenswear, sia kids che baby: da giorno, da cerimonia, homewear e linea bagno.

Carrément Beau SS17: una stagione in blu

Ispirata a un pomeriggio in riva al mare, la collezione Carrément Beau combina per la nuova stagione molteplici sfumature di blu, dal blu mare al blu cielo, passando per il turchese, aggiungendo un tocco di rosso vermiglio. Per i maschietti adorabile la casacca a righe, in denim, perfettamente adatta alla stagione, come anche maglie melange e jersey leggeri.
Le bambine hanno abiti fluenti e colorati o in pizzo raffinato, con grandi pois e chambray resi femminili da tricot in crochet e dettagli lurex. Golosa, la palette colori esplora il rosa pallido e il bianco sporco, ritmata da stampe floreali, tropicali o a pois, o impreziosita da riflessi dorati o perlati. I materiali, bohemien e romantici come il Sangallo, sono
lavorati e preziosi.

Carrément Beau, fedele al suo stile chic con quel nonsoche di parigino, rivisita anche alcuni classici del guardaroba per l’infanzia: stampe grafiche hcon quadrati irregolari, mentre l’immancabile marinière è presentata in una nuova vitaminica interpretazione.

La linea cerimonia è interpretata con sofisticata semplicità e prosegue l’ispirazione crociera del brand nei toni nude e dalla raffinata eleganza.
Abiti dalle linee pulite per piccole dame sono decorati con broderie in cotone, fluidi plissé e scintillanti lampi metallici. I maschietti adottano volentieri un abbigliamento casual molto Riviera, in versione rigata, o più formale nei colori navy.

Carrément Beau coccola anche i baby vestendoli con calzoni, camicie, tutine, abitini estivi e camicette. Sulle sfumature di blu emergono pois e righe, e la marinière per maschietti si abbina alla salopette. Per le piccoline delicati abiti e tutine in Sangallo declinati in écru o rosa indiano.

AlimentazioneFor Kids

Idee per la merenda dei bambini

Buzzoole
La merenda dolce?
Sissi non la ama. In generale la mia bambina ama il salato e in fin dei conti sono contenta: trovo che siano alimenti meno “industriali”, sicuramente senza zuccheri e più nutrienti. Inoltre, adora la frutta. Insomma, piuttosto che una fetta di torta a merenda chiede un frullato ed una pizzetta!

A scuola – per ragioni organizzative dato che siamo stati dislocati in altra sede a causa del terremoto – Sissi fa pranzo alle 11.45! Questo vuol dire che quando la vado a prendere alle 16 trovo una bimba affamata: ha davvero molta fame e vuole mangiare per merenda qualcosa di sostanzioso!
E qui entra in gioco l’ABC della merenda: una merenda studiata da un vero nutrizionista (e infatti mi ricorda la merenda del mio piano alimentare!).

Parmareggio ha studiato, avvalendosi della collaborazione e dell’esperienza del nutrizionista Dott. Giorgio Donegani, una merenda studiata ad hoc per i bambini, che garantisce il corretto apporto di carboidrati, proteine e grassi, e fornisce la giusta quantità di energia e nutrienti necessaria per sostenere le attività di studio, gioco e sport in modo naturale e senza appesantire.

L’ABC della merenda è una sorta di kit, in cui si trovano le 3 componenti essenziali per una merenda completa, corretta e nutriente: un prodotto a base di Parmigiano Reggiano (Parmareggio Snack, Formaggini Parmareggio o Parmareggio Snack Bio), grissini o frutta secca e un frullato 100% frutta.
In questo modo l’apporto nutrizionale e calorico è corretto dal punto di vista nutrizionale, grazie al bilanciamento tra carboidrati (50%), proteine (15%) e grassi (35%). I carboidrati assicurano la giusta dose di energia per affrontare con la giusta carica lo studio o le attività sportive pomeridiane, mentre le proteine sono essenziali per la formazione dei tessuti dell’organismo e per lo sviluppo osseo. Infine anche i grassi, nella giusta quantità, non solo danno energia, ma funzionano anche da trasportatori di vitamine.
L’ABC della merenda è ricco di vitamine A e C e di sali minerali, tra cui il calcio, importantissimo per i bambini perché essenziale per la crescita delle ossa.

L’ABC della merenda si può portare tranquillamente in borsa o nello zainetto, infatti può rimanere fino a 4 ore fuori dal frigorifero, e si trova in tutti i supermercati, nel reparto merende/dessert per bambini del banco frigo.
Ma l’ABC della merenda non finisce qui: Parmareggio, sempre attenta ai piccoli consumatori, ha predisposto sul sito  una sezione dedicata ai bambini, con giochi, fumetti, papertoys, suonerie e tante altre divertenti attività, tra cui la possibilità di scaricare giochi da tavolo legati alla promozione “A spasso nel Temporeggio” e un concorso “Canta con Parmareggio” nel quale i piccoli artisti possono diventare protagonisti cantando L’ABC della merenda Rap.

 

#parmareggio

LifestyleRiflessioni

Cinque


Cinque anni fa, tenendo le mani sulla pancia stesa su un lettino parcheggiato davanti alla sala operatoria, guardavo dai finestroni del corridoio della clinica il mare. La luce della mattina e i primi raggi del sole si riflettevano su quella splendida distesa azzurra e io, che non avevo chiuso occhio perchè ero letteralmente paralizzata dalla paura – un cesareo è pur sempre un’operazione… – mi sono sentita improvvisamente serena, in pace con me stessa e con il mondo. Non un rumore, non una persona in quel corridoio, in sottofondo le voci lontane degli infermieri che chiacchieravano in attesa dell’anestesista, ma io non ero sola. C’eri tu.

E pensavo ingenuamente che quel sentimento nato nei 9 mesi di pancia insieme fosse enorme, amore vero. In fondo ci eravamo viste spesso durante questi 9 mesi, in fondo ti parlavo ogni giorno e giocavamo a spingerci dalla pancia. La sera prima avevo lavorato fino alle 14 e avevo chiuso il notebook con quasi il sollievo di chi stacca dal lavoro per qualche giorno quando va in vacanza…

Non sapevo che tutto sarebbe cambiato, dopo. Perchè non è cambiato tanto in quei 9 mesi. No, è cambiato definitivamente quel giorno in cui ti ho visto per la prima volta. In cui ho capito che quell’amore che avevo provato prima era solo un’infinitesima parte di quello di quel momento. Che è cresciuto in questi anni.

E’ come se fossi nata con te di nuovo. Mi hai cambiato e mi hai reso una persona migliore, ne sono sicura. Mentre io pensavo al latte, ai pannolini, ai primi passi, ai vaccini, tu crescevi e mi hai insegnato tante cose nuove.

Mi hai insegnato ad essere paziente, a volermi bene, mi hai insegnato come dividere il mio tempo, mi hai mostrato mio marito in una nuova – splendida – veste. E tu, biberon dopo biberon, passo dopo passo, pappa dopo pappa, sei cresciuta. Non ti loderò qui, sai perfettamente cosa penso di te perchè ogni giorno te lo dico: il bene che ti voglio, le cose buone che fai e anche i tuoi piccoli difetti e i miei mille consigli su come correggerli.

Cinque anni di noi significano la tua mano che si apre a contare su tutte le dita il tempo che è passato.

Un tempo che ci ha davvero insegnato che – accada quel che accada – saremo sempre noi 3 e tu sarai la luce che illumina anche i momenti più bui, con il tuo sorriso, il tuo ottimismo.

Ogni compleanno è per noi mamme un bilancio del proprio operato: i ricordi si accavallano nella testa, ripensi a quello che hai fatto bene, ti tormenti per quello che hai fatto male o che potevi fare meglio, ringrazi Dio per la salute. Si guardano foto, scende qualche lacrimuccia.

Ma una cosa di cui sono sicura voglio dirtela, Sissi, in questo tuo compleanno: abbiamo lottato tanto per avere te e, nonostante nessuno sia esente da problemi e preoccupazioni, io oggi ti guardo e mi sento davvero felice e tanto fortunata. E la nuova me che è nata con te cinque anni fa mi piace tanto, quindi GRAZIE.

Grazie per avermi insegnato il vero peso delle cose.


Il guerriero della luce crede. Proprio come credono i bambini. Poiché crede nei miracoli, i miracoli cominciano ad accadere. Poiché ha la certezza che il proprio pensiero possa cambiargli la vita, la sua vita comincia a cambiare. Poiché è certo che incontrerà l’amore, l’amore compare. Di tanto in tanto, è deluso. Talvolta, viene ferito. E allora sente i commenti: “Com’è ingenuo!” Ma il guerriero sa che il prezzo vale. Per ogni sconfitta, ha due conquiste a suo favore. Tutti coloro che credono lo sanno. (Paulo Coelho)

BeautyFor moms

Un trucco per tutti i giorni con i prodotti Yves Rocher

Il trucco per tutti i giorni per me deve essere rapido, performante e a lunga tenuta. Mi trucco di mattina prima di accompagnare Sissi a scuola e poi gli impegni della giornata proseguono fino a tarda sera… il tempo per ritocchi o make-up complicati in un giorno standard – diciamola tutta – non c’è: al massimo un ritocco al rossetto dopo pranzo e, se la sera andiamo a cena fuori, cerco di intensificare gli occhi giocando sopra i colori che già ho applicato la mattina e ripassando tanto mascara.

Un trucco per tutti i giorni con i prodotti Yves Rocher

Ho provato alcuni prodotti di skincare Yves Rocher e mi sono trovata davvero bene. Ho voluto quindi provare anche alcuni prodotti make-up e alcuni di questi sono diventati davvero compagni quotidiani.

La base che ho più utilizzato in questi ultimi due mesi, quasi quotidianamente, è il Fondotinta Zero Defaut, adatto alle pelli secche (o a quelle normali che in inverno diventano secche) che dona un’idratazione profonda. La sensazione non è quella di aver applicato un fondotinta, bensì una crema altamente idratante. E’ davvero un fondotinta zero difetti, un prodotto che regala alle pelli secche comfort assoluto.
Arricchito con olio di rosa damascena, regala una sensazione anche olfattiva grazie alla delicata fragranza di rosa.
Avendo una consistenza molto simile ad una crema giorno (e si presenta anche come tale, in un vasetto di vetro da 40 ml), consiglio di stendere il prodotto con le mani e di terminare con una spugnetta trucco tipo beauty blender per evitare stacchi e rendere il trucco omogeneo.
L’effetto è piuttosto coprente e la durata è ottima, anche se consiglio di attendere qualche minuto prima di procedere con il resto del trucco e di fissare questa base con un velo di cipria.
Il mio colore è il n. 200 rose, adatto per la mia carnagione chiara, anche se il mio sottotono è dorato. 40 ml – 17,95 € Voto 7,5

Proprio per fissare questo fondotinta, sto usando la Cipria in polvere libera nel colore Rosè. Una polvere setosa ed ultrasottile che lascia davvero l’incarnato senza difetti e diventa l’alleato perfetto del Fondotinta Zero Defaut. La sua texture è arricchita con estratti di riso, che lasciano la pelle libera di respirare. La confezione contiene anche la spugnetta. 15 gr –  16,95 € Voto 7

Per gli occhi uno solo – proprio se ho tempo due – colori scelti tra gli ombretti colore vegetale e tanto mascara e poi puntiamo tutto sulle labbra, rosse, ma senza rinunciare al comfort.

Il rossetto rosso che ho scelto è Rossetto Grand Rouge, una combinazione perfetta tra colore intenso e effetto seconda pelle! La durata è ottima, non è opaco ma neanche estremamente brillante: lo definirei un satinato discreto! Le labbra rimangono idratate già alla prima applicazione, grazie alla texture morbida e fondente. Il packaging in oro rosè rende questo prodotto anche elegante, bello da portare in borsetta e tirare fuori in metro. Una nota particolamente positiva: i rossetti Yves Rocher non contengono carminio di cocciniglia, lanolina e neppure oli minerali. Il mio colore è il n.31 Rouge Vif (in totale trovate 15 nuances). Stick da 3,70 gr. – 17,95€ Voto 7

Deco&DesignFor KidsFor momsHome&Design

Come scegliere la cameretta per un neonato: la nursery

Buzzoole
Cameretta o nursery?

In effetti quando si tratta di scegliere la prima cameretta per il nostro bimbo, soprattutto se siete mamme alla prima esperienza, non si sa bene cosa scegliere, come arredare. Cosa serve davvero? Di cosa abbiamo bisogno nella cameretta del nostro bambino? Cosa occorre a noi per essere comode al momento di soddisfare i bisogni del neonato (poppate e cambi, principalmente) e cosa occorrerà al piccolo arrivato (servono davvero tanti giochi, serve il famoso box o la sdraietta?)…

In realtà, al momento di preparare la cameretta del vostro bambino, avrete bisogno di una nursery.Read More

Per offrirti il miglior servizio possibile SissiWorld utilizza i cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.