SissiWorld - Kids&Mums Fashion Beauty and Lifestyle Blog
BrandsFor KidsKids fashion

Suburban Adventures: Iglo+Indi SS17

DO YOU SPEAK ENGLISH? Click HERE for English text!

What children do in Iceland?

I’ve never been in Iceland, but I have visited so many times Northern Europe and reading the words of Helga Olafsdottir, founder and Creative Director of Iglo+Indi, I think about that landscapes that I loved and admired so much, those delicate faces and blond-angel hair of their kids, that sense of freedom mixed to education and respect for nature that only Nordic people has. And we try to learn everyday from them.

The kids wake up early, dressed in layers of clothes, a cat dress paired with bubble gum leggings and an oversized sweater from their big sister. They fill their backpacks with their favourite things, a favourite doll, a jar for bugs and butterflies and food to last the whole day. They put their little cat in the basket, jump on their bikes and off they go for exploration and new adventures, only to return home under the midnight sun. With hares, cats, birds and bugs, crisp colours of papaya, light lemon, aqua and sky blue, the collection is bright and playful.

Suburban Adventures: Iglo + Indi SS17

Do you remember Ciff Kids and our travel to Copenhagen? Our first encounter with Iglo+Indi SS17 collection happened right at Ciff Kids, a fair of cool Scandinavian brand, dominated by a Nordic composure without sacrificing design, colors and cool child-friendly style.

Iglo+Indi bring us in spring colors and makes us travel through its style proposals until Iceland. SS17 collection is titled Suburban Adventures and through these first pics you will be for a moment in a small Icelandic town, surrounded by nature.

Enjoy the shots… and stay tuned!

Cosa fanno i bambini in Islanda?

Non sono mai stata in Islanda, ma ho visitato davvero tante volte i paesi del Nord Europa e leggendo le parole di Helga Olafsdottir, fondatrice e Creative Director di Iglo+Indi, mi vengono in mente i paesaggi che ho tanto amato ed ammirato, quei visi delicati e capelli biondo angelo e quel senso di libertà misto ad educazione e rispetto per la natura che solo i popoli nordici hanno. E da cui proviamo ogni giorno ad imparare qualcosa.

I bambini si svegliano presto, vestiti a strati, un abito con un gatto abbinato ad un leggings color bubblegum e un maglione oversize della loro sorella maggiore. Riempiono i loro zainetti con le loro cose preferite, una bambola, un barattolo di insetti e farfalle e cibo per andare in giro tutto il giorno. Mettono il loro gattino nel cestino, saltano sulle loro biciclette e se ne vanno ad esplorare e cercare nuove avventure, per poi tornare a casa sotto il sole di mezzanotte.
Lepri, gatti, uccelli e insetti, colori nitidi e luminosi come papaya, limone, verde acqua e azzurro, la collezione è luminosa e giocosa.

Suburban Adventures: Iglo+Indi SS17

Ricordate Ciff Kids e il nostro viaggio a Copenhagen? Il nostro primo incontro con la collezione SS17 di Iglo+Indi avvenuto proprio a Ciff Kids, una fiera di brand cool e scandinavi, dominata da una compostezza tutta nordica senza però rinunciare al design, ai colori, allo stile a misura di bambino.

Iglo+Indi ci porta nei colori primaverili e ci fa viaggiare attraverso le proprie proposte di stile fino in Islanda. La collezione SS17 si intitola Suburban Adventures e attraverso questi primi scatti potrete trovarvi per un attimo in una piccola cittadina islandese, circondati dalla natura.

Godetevi gli scatti… e stay tuned!

Lifestyle

Buoni propositi per il 2017: è tempo di pensare all’economia circolare

ENELFine anno, si sa, è il momento di buoni propositi. Nella mia lista di buoni propositi per il 2017 ci sono una quantità di cose che accomunano un po’ tutti: dal ritagliarsi più tempo per sé stessi e per la famiglia a quel viaggio che vogliamo fare da tempo, da quella it-bag che desideriamo da tanto a argomenti più impegnati, come l’economia circolare.

Sapete cos’è l’economia circolare?

L’economia circolare è (o dovrebbe essere a mio avviso) l’economia del futuro legata allo sviluppo sostenibile e alla green economy. Nell’economia circolare i prodotti assumono un nuovo utilizzo dopo la propria vita utile e possono essere usati come nuove risorse per creare altri prodotti: sono in parte i concetti che già conoscerete di riciclo e riutilizzo.

Sapete da tempo quanto questi concetti mi stiano a cuore. In generale il green e la sostenibilità fanno parte non solo del mio percorso di studi e lavorativo ma anche del mio impegno quotidiano. E vorrei che per il 2017 lo fossero ancora di più.

Sono sempre convinta che un comportamento cosciente dal punto di vista ambientale e quindi un avvicinamento all’economia circolare anche da parte di singoli cittadini contribuisca a creare un mondo migliore, soprattutto per i nostri figli, che un domani si troveranno a vivere in un mondo in cui sicuramente le risorse naturali scarseggeranno.

Ma come si può contribuire alla circolare economy nel nostro piccolo?

Sicuramente tutte le abitudini di riciclo e di riutilizzo, sia che siano creative (come fare lavoretti per la casa, magari creando contenitori con cassette di frutta o barattoli di vetro – per cui sono notoriamente negata…) sia che si parli semplicemente di raccolta differenziata, sono virtuose. Ma sapete che anche da brave shopping addicted si possono favorire quelle aziende che hanno un atteggiamento proattivo verso l’ambiente e favoriscono la sostenibilità?

Uno di questi casi è il nostro amato brand Mini Rodini: sapevate che l’imbottitura dei piumini che vedete indossati da Sissi – piumini caldissimi tanto quanto quelli imbottiti con piuma d’oca – contiene solo materiali di riciclo dalle altre lavorazioni?

È il caso anche di un’altra marca svedese H&M con il progetto H&M conscious in cui il brand vuole rendere sostenibile la moda proponendo capi conscious, che sono realizzati a partire da tessuti di secondo utilizzo ed etichettati in verde.

Non solo H&M ma anche i nostrani Intimissimi e Tezenis promuovono in store azioni di riciclo e riutilizzo invogliando clienti a portare in negozio abbigliamento che non usano più affinché questo venga riciclato.

Rimanendo in ambito nordico anche Ikea propone da tempo l’angolo delle occasioni: una serie di prodotti a prezzo scontato che provengono da esposizione o appartengono a fine produzione.

Anche Enel con il progetto Futur-e decide di aderire a questo concetto di economia circolare e di trasformare alcuni impianti termoelettrici (23 attualmente) in nuove destinazioni d’uso che creeranno anche nuove opportunità di sviluppo per i territori in cui sono ubicati le centrali.

La sala macchine della Centrale Montemartini oggi esposizione permanente dei musei Capitolini (Roma, Italia)

E voi, avete scelto come contribuire all’economia circolare nel 2017?

For KidsKids fashionLetkidsbekidsToys

Baghera car, una Bentley anche per signorine!

Senza entrare nel merito dei giochi per maschietti e femminucce, evitando lunghe quanto ovvie considerazioni sui giochi cosiddetti sessisti, vi riporto semplicemente la nostra esperienza: da sempre acquistiamo giochi stimolanti (soprattutto per la fantasia) ed educativi. Senza che l’argomento diventi ossessionante, abbiamo tuttavia concesso a Sissi anche giochi puramente da femmina. Perchè in fondo E’ femmina!Read More

LifestyleTravel

The Church Palace Rome: un soggiorno romano in un’atmosfera da sogno

DO YOU SPEAK ENGLISH? Click HERE for English text!

Although we always travel with our little girl, our choice falls on comfortable, beautiful, even luxurious hotels. We’re not the typical family that venture into a hippy backpackers-travel with a kid (I hate uncomfortable beds and camping tends), and we believe that you can travel with style and class even with an enthusiastic 5-years-old little girl.

Probably our choices are dictated by age (were not so young) and by the full trust in the (good) education of our daughter…

We already knew The Church Palace

In a hot summer evening in the garden of The Church Palace we had the privilege to assist Sabrina Persechino’s fashion show for AltaRoma and then we visited the interior of the hotel during the cocktail. I was pleasantly surprised by the colors of the interior, by the terrace, by the art and so I put the hotel in my wishlist.

The Church Palace, former Domus Mariae Palazzo Carpegna, is a striking 4 star superior hotel set in a beautiful historical Renaissance-inspired building. Surrounded by a private park, with an ancient fountain and an 18th century nymphaeum, the hotel harmoniously integrates with the Villa Carpegna Park.

Behind the beautiful cloister, at the very heart of the hotel, lies a majestic Church with a nave and two side aisles and a splendid colonnade of precious green marble. Alongside its natural religious function, the Church is also available for concerts and other prestigious events.

The Church Palace Rome

The Church Palace offers 200 rooms including Smart, Classic, Deluxe and Junior Suites.

The property also provides guests with 2 restaurants – The Circus and Nero, – The Office lounge bar and the charming, open-air The Square, set in the hotel’s cloister. We had dinner at Nero: the choice of the menu is not very wide, but the dishes are modern and with interesting flavors and there are also a kids menu and a special kids dessert list.

The hotel also offers the Bachelet Auditorium & Cinema and 5 meeting rooms.

The Church Palace enjoys a strategic location both for those coming to Rome by car or train or plane. The hotel is located in Via Aurelia 481, in a well-served residential quarter, just 300 meters from the Metro “Cornelia Station” (Line A – just three stops from the Vatican Museums). The Vatican City, St. Peter’s Basilica and the city centre are just 3.5 km far.

Free parking (a very important detail in Rome) is large and very comfortable. For transportation in Rome, you can then decide whether to use your car, public transport (metro line A or bus, which stops right next door) or the shuttle provided by the hotel (which I recommend booking – 4€ per person – in advance because for us there was no availability…).

The breakfast is a classic continental buffet breakfast with the usual choice of sweet and salty.

Wi-Fi is free and well functioning throughout the hotel and there is the possibility to use Handy.

Handy is a phone that is available for free for all hotel guests: you will find it in the room and you can take it with you anywhere. You will always be connected at no cost with 4G and you can also make free calls. Obviously there are limitations (calls are free only to some Countries), but the service is great: it also includes a city guide, maps, navigator… in short, for business or leisure, Handy is really good traveling companion! Just be careful not to lose or damage it…

What is missing? A hotel of this standard is well worth a SPA! Or at least a relaxation area and gym…

HOTEL THE CHURCH PALACE 
Via Aurelia 481
00165 Roma
Web www.thechurchpalace.com
Email [email protected]
Phone +39 06 660011 +39 06 66007902-11

Sebbene viaggiamo sempre con la nostra bambina, la nostra scelta ricade su hotel confortevoli, belli, quando si può anche lussuosi. Non siamo la tipica famiglia che si avventura in un viaggio hippie con lo zaino in spalla e bimba al seguito (odio i letti scomodi e le tende) e siamo convinti che si riesca a viaggiare con classe e stile anche con una quasi 5enne entusiasta di tutto ciò che vede.

Probabilmente le nostre scelte sono dettate dall’età (la nostra, non proprio giovanissima) e dalla piena fiducia sulla (buona) educazione della nostra bambina…

Conoscevamo già The Church Palace

In una torrida sera estiva assistimmo nel giardino esterno di The Church Palace alla sfilata di Sabrina Persechino per AltaRoma per poi visitare gli interni durante il cocktail. Rimasi piacevolmente colpita dal bicromatismo degli interni, dalla terrazza, dalle opere d’arte e segnai in wishlist l’hotel.

The Church Palace, conosciuto precedentemente come Domus Mariae Palazzo Carpegna, è oggi un hotel 4 stelle superior ubicato in un edificio storico dall’architettura ispirata a quella rinascimentale, completamente ristrutturato. Circondato da uno splendido parco privato, con una antica fontana ed un ninfeo del 18esimo secolo, l’hotel si integra in maniera armoniosa con il parco di Villa Carpegna.

Alle spalle del bellissimo chiostro, nel cuore dell’hotel, sorge una grandiosa Chiesa a tre navate, arricchita da colonnati di prezioso marmo verde che, oltre alla sua naturale funzione religiosa, è aperta a concerti e a prestigiosi eventi.

Kids outfits: Sissi (on the left) Mini Rodini Jacket, Iglo+Indi pants, MAA Shoes sneakers, The Bonnie Mob hat and scarf – Gabi (on the right) Mini Rodini Jacket, Mini Rodini Dress, Mini Rodini tights, Esprit Hat

The Church Palace Rome

The Church Palace offre 200 stanze di diverse tipologie: Smart, Classic, Deluxe e Junior Suite.

Kids outfit: Iglo+Indi dress, Ubang tights, MAA Shoes sneakers

La struttura ospita 2 ristoranti: The Circus e il Nero, oltre al lounge bar The Office con il suo suggestivo spazio all’aperto The Square, ricavato nella cornice del chiostro. Abbiamo cenato al Nero: la scelta del menù non è ampissima, tuttavia i piatti sono moderni e i sapori interessanti inoltre c’è anche un Kids Menù con tanto di Kids Dessert.

Arricchiscono i servizi dell’Hotel le 5 Sale Meeting, un Auditorium e il cinema Bachelet.

The Church Palace gode di una posizione strategica sia per chi si reca a Roma in auto che con treno o aereo. L’hotel si trova in Via Aurelia 481, in un quartiere residenziale ben servito, a soli 300 metri dalla stazione Metropolitana “Cornelia” (Linea A – a sole tre fermate dai Musei Vaticani), a 3 Km dalla Città del Vaticano e nelle immediate vicinanze del Parco di Villa Doria Pamphilj.

Il parcheggio gratuito (importantissimo dettaglio a Roma) è ampio e molto comodo. Per gli spostamenti dentro Roma potrete poi decidere se utilizzare la vostra auto, i mezzi pubblici (metro linea A o bus, le cui fermate sono vicinissime) oppure la navetta messa a disposizione dall’hotel (che vi consiglio di prenotare – al costo di 4€ a persona – con ampio anticipo dato che per noi non c’è stata disponibilità…).

La prima colazione, a buffet, è senza infamia nè lode: una classica colazione continentale con la solita scelta di dolce e salato.

La connessione internet Wi-Fi è gratuita e ottimamente funzionante in tutto l’hotel e c’è la possibilità di utilizzare il servizio di Handy.

Handy è un telefono che viene messo a disposizione per tutti i clienti dell’hotel: lo trovate in camera già carico e potete portarlo con voi ovunque. Sarete sempre connessi in 4G a costo zero e potrete anche effettuare chiamate gratuite. Ovviamente ci sono delle limitazioni (le chiamate sono gratuite solo verso alcuni Paesi), ma il servizio offerto è ottimo: include anche una guida della città, le mappe, un navigatore… insomma, per business o svago, Handy è davvero un buon compagno di viaggio! Fate solo attenzione a non perderlo o danneggiarlo…

Cosa manca? Un hotel di questo livello merita assolutamente una SPA! O almeno una zona relax e gym…

HOTEL THE CHURCH PALACE 
Via Aurelia 481
00165 Roma
Web www.thechurchpalace.com
Email [email protected]
Phone +39 06 660011 +39 06 66007902-11

Lifestyle

AbilityArt: a Natale si può donare anche in maniera solidale

BuzzooleA Natale si può donare anche in maniera solidale.

A volte un dono racchiude non solo l’oggetto in sé, ma un pensiero ed un sentimento che cercano di dimostrare affetto ed empatia per le persone che ricevono il dono.
Un dono solidale costituisce una sorta di doppio regalo, oltre all’oggetto doniamo anche a chi lo riceve il nostro pensiero e il nostro sforzo per aiutare qualcuno.

Se siete alla ricerca di un dono solidale che unisca un oggetto bello ad una buona causa, allora AbilityArt è l’e-commerce che fa per voi.

AbilityArt è l’e-commerce di SPAM, acronimo di Solo Pittori Artisti Mutilati, una società che da 60 anni rappresenta, tutela e finanzia in Italia la categoria dei pittori che dipingono con la bocca o con i piedi. Vi ricordate i biglietti di auguri di Natale o Pasqua che arrivavano a casa con il bollettino postale? SPAM si è evoluto ed ha lanciato da circa 1 anno un moderno e-commerce.
AbilityArt è diventata così la vetrina online dell’arte diversamente abile: opere di artisti che dipingono con la bocca o con il piede, da acquistare, regalare o portare sempre con sé grazie ad originali personalizzazioni.
Il catalogo di opere disponibili su AbilityArt è davvero ampio, sia dal punto di vista degli oggetti, che dal punto di vista di tecniche e stili: acquerelli, tempere, dipinti a olio…


E’ possibile sempre personalizzare il proprio regalo: basta scegliere l’opera, selezionare il supporto e creare la propria personalissima composizione. Con il vostro dono di Natale non solo regalerete un oggetto ben realizzato, ma aiuterete anche artisti e talenti con difficoltà fisiche a vivere della propria arte.
Dai classicissimi biglietti alle cover smartphone, dai foulard ai regali aziendali: la scelta è vasta e nell’e-commerce di AbilityArt potrete scoprire anche le storie degli artisti, storie fatte di passione e tenacia, di amore per l’arte. Lo store online racconta anche il mondo di SPAM con le storie, le difficoltà e i sogni di questi artisti diversamente abili: non solo da aiutare, ma da cui prendere anche esempio.
Per queste feste, lasciatevi ispirare dall’arte diversamente abile: un dono che farà bene a tutti, anche al vostro cuore.

Se possedete carta Payback per ogni acquisto dei prodotti AbilityArt presenti su mondadoristore.it potete  accumulare fino a 1000 punti! La promo è valida fino al 28 febbraio 2017.

Deco&DesignFor KidsTravel

In viaggio con i bambini: a ognuno il suo organizer…

Vogliamo iniziare il nuovo anno con un breve viaggio: 3 giorni a Roma per riunirci con dei familiari, godere di una splendida location e di ottimo cibo e buona compagnia.

Ma prima di partire… è la volta delle valigie! Per quanto io sia abituata a viaggiare da tanti anni, il momento della valigia diventa sempre critico: non per la mia, ma per quella di Sissi! Abbigliamento in abbondanza, cambi, medicine, giochini, beauty… insomma anche la mia quasi 5enne deve imparare ad organizzare le sue cose!

In viaggio con i bambini: a ognuno il suo organizer

Gennaio è un mese in viaggio per noi. Viaggi in auto, in aereo, talvolta in bus e treno…

Ho deciso di coinvolgere Sissi nella preparazione della valigia: vorrei che pian piano si abituasse a saper organizzare le proprie cose, a capire di cosa ha bisogno in base ai luoghi che visiterà.

Per facilitare questo compito, dato che è alla prima esperienza, abbiamo deciso di farci aiutare nell’organizzazione dal brand tedesco reisenthelsinonimo di idee innovative e design funzionale da oltre 45 anni, grazie ad accessori perfetti per l’uso quotidiano, frutto di creatività e passione.
La filosofia dell’azienda è semplice e chiara: ideare accessori pratici, alla portata di tutti, che rendano più facile e bella la vita di ogni giorno.

reisenthel ha ampliato recentemente la propria gamma di prodotti, vincitori di numerosi premi per il design, con una nuova collezione dedicata ai bambini. Prodotti di design utili e perfetti per la scuola, le vacanze, lo sport e il tempo libero che si declinano in tre pattern ispirati al mondo dei bambini: cool cactus rosa, blu cactus e greenwood.

Noi abbiamo scelto myorganizer kids: perfetto per riporre oggetti o abiti sia a casa che in viaggio. Si può arrotolare e srotolare e all’interno ha un gancio per appenderlo. Si chiude grazie a due fibbie regolabili e internamente ha cinque tasche con le zip più un astuccio con cerniera rimovibile. C’è anche lo spazio per scrivere il nome del bimbo (mai più confusione in gita!).

Sissi ha scelto di portare nel suo myorganizer kids un orsetto Suavinex, un carillon Ferm Living, una lucina per la notte di A Little Lovely Company, il suo amato borsellino unicorno comprato da Topshop a Londra, il cardigan Insula. Per il beauty ha scelto la colonia formato viaggio di Suavinex, il burrocacao Kids PuroBIO Cosmetics e Evian Facial Spray Baby.

myorganizer kids è grande 38 x 80 x 4 cm e potete trovarlo nel sito del rivenditore ufficiale reisenthel GiftCompanyItaly al prezzo di 39,95 euro

BooksFor Kids

Libri per bambini personalizzati: come diventare protagonisti di un’avventura

Chi ci segue da tempo conosce la nostra passione per i libri.

Anzi no, per un “certo tipo” di libri: le nostre preferenze evitano i libri commerciali e si dirigono piuttosto su autori specializzati per l’infanzia, illustratori e storie particolari, che mi diano spunti per riflettere con Sissi e per spiegarle alcuni concetti che ritengo importanti.Read More

LifestyleTravel

In viaggio a Capodanno? Alla mia to-do-list aggiungo Vodafone Pay

Buzzoole
A Capodanno (malanni permettendo, ma stavolta siamo stati previdenti e abbiamo il ticket aperto) saremo in viaggio.

Amante delle to-do-list, quelle che compilo quando siamo in partenza sono ormai quasi standard: aereo, dai 3 ai 5 giorni fuori, 2 adulti e una bambina. Ormai so cosa portare: la differenza la fa solo la stagione…

Le mie to-do-list riguardano però tutto ciò che concerne la logistica del viaggio e i documenti. Passaporti, check-in, ticket vari, mappe e guide, prenotazioni… e inevitabili carte di credito e denaro contante.

Sicuri e comodi con Vodafone Pay: un nuovo punto della mia to-do-list

Da quando ho scoperto Vodafone Pay, devo ammettere che viaggio molto più tranquilla e sicura. Ho sempre il cellulare in mano (ebbene sì, anche in viaggio!) e con Vodafone Pay è possibile pagare in modo semplice, pratico e sicuro.

Come? Vodafone Pay è un servizio messo a disposizione da Vodafone in collaborazione con MasterCard. Grazie alla SIM NFC, basta scaricare l’app Vodafone Wallet sullo smartphone Android e collegare una o più carte MasterCard. A questo punto per pagare basta avvicinare il telefono al POS: non si devono aprire borse e borsellini e i pagamenti  sotto i 25€ sono immediati (se invece dovete autorizzare importi superiori, dovete digitare il PIN). Vodafone Pay funziona anche se il telefono è scarico e non è necessario avviare la App ogni volta ed è già disponibile in tutti gli esercizi che frequentiamo quotidianamente.

Spenderete di più? No. Anzi, le spese posso essere controllate con la App Vodafone Wallet.

E se mi rubano lo smartphone? Basta telefonate al Servizio Clienti e bloccare il servizio. Potrete comunque continuare ad usare le carte fisiche senza problemi.

Insomma, non ci sono scuse: Vodafone Pay è davvero #easylife! E la uso ormai nella quotidianità, non solo in viaggio! Basta scaricare la App Vodafone Wallet, associare le carte di credito e/o prepagate del circuito Mastercard e sperimentare la nuova comodità di pagamento.

BrandsFor KidsKids fashionKids outfits

Come vestire i bambini a Capodanno: revelling glee

DO YOU SPEAK ENGLISH? Click HERE for English text!

How to dress kids for New Year Parties? Here are some outfits from Mini Maven, a magazine and website that is always source of inspiration (and admiration) for us, both for the proposed brand and for styling and beautiful pictures…

Here is reveling glee, the euphoria and the joyous and festive revelry, typical of these period of the year, accompanied by some brands we already know, love and that we can recommend not only New Year parties, but also for any occasion where you want to make merry with style with your children!

Ready? Here are the photos…

Come vestire i bambini a Capodanno? Ecco la proposta di Mini Maven, il magazine che rappresenta sempre una fonte d’ispirazione (e ammirazione) sia per i brand proposti, sia per lo styling e le splendide foto…

Ecco dunque revelling glee, l’euforia e la baldoria gioiosa e festiva, tipica di queste feste, accompagnata da brand che conosciamo, adoriamo e che vi consigliamo non solo per Capodanno, ma per qualsiasi occasione in cui vogliate far fare baldoria con stile ai vostri bambini!

Pronti? Ecco gli scatti:

MAGAZINE
MINI MAVEN
PHOTOGRAPHER
Gretchen EASTON
SET DESIGN
Kiersten STEVENS
HAIR AND MAKE-UP ARTIST
Renee LOIZ

For KidsLifestyleToys

Il nuovo film Disney di Natale: Oceania. Le nostre impressioni post visione

Ho letto tante critiche contrastanti sul nuovo film Disney di Natale. In molti accusavano Oceania di avere una trama scontata ed inconsistente a scapito della splendida grafica.

Siamo andati al cinema a Santo Stefano (Oceania è stato campione d’incassi con quasi 2 milioni di euro incassati e ben 272mila spettatori –  Fonte Audiweb – dati di lunedì 26 dicembre 2016): eravamo preparati sulla trama… prima che uscisse nelle sale, Sissi si è innamorata di Vaiana, della sua bambola da bambina, che avete visto qui, e del librino che abbiamo acquistato nell’attesa che uscisse nelle sale. Poi l’influenza, il Natale… e alla fine siamo riusciti ad incontrare Vaiana sul grande schermo.

Voglio partire con una considerazione: perchè i genitori pretendono dal cinema, dai giocattoli, dai libri, dalla scuola, dai nonni, dalle maestre, dal parchetto che educhino i propri figli? Il ruolo di educatori è dei genitori: fatevene una ragione. E’ l’essenza profonda dell’essere genitori, compito e responsabilità grandi (giganti) correlati alla paternità/maternità. Non si può pretendere che tutto quanto ho menzionato sostituisca il nostro ruolo – e dovere – di genitori: può supportarlo indubbiamente, ma non può sostituirlo. E non si può cercare in ogni cosa una vena intellettuale ed educativa… ci sono momenti di gioco e divertimento, momenti da dedicare alla spensieratezza e alla gioia, da assaporare semplicemente così. Oceania è un film di Natale, rappresenta anzitutto un momento da passare in famiglia durante le vacanze natalizie: per godere della compagnia reciproca, per stringersi la mano quando l’avventura si fa pericolosa, per ballare al ritmo della musica polinesiana… e magari, a casa, fare insieme qualche riflessione.

Ho letto tante critiche al personaggio di Vaiana. Invece…

…a noi Vaiana è piaciuta: è coraggiosa e tenace. Affronta i problemi senza abbattersi ed è spinta a scoprire le proprie origini e se stessa, proprio come ogni adolescente. Non è una principessa (lo afferma lei stessa): è la figlia del capo, ha quasi un ruolo politico. Ama il proprio popolo e lotta per la sua gente. Non è anoressica, ha una fisicità morbida che riflette i corpi delle belle donne polinesiane. Non corrisponde allo stereotipo della bella principessa con gli occhi azzurri e i capelli biondi. Vuole imparare a navigare, si sforza per impararlo, chiede aiuto a Maui per farselo insegnare… e alla fine ci riesce.

Con Maui si instaura un legame di amicizia vera. E a mio avviso il personaggio di Maui, sicuramente minore rispetto a Vaiana, è comunque significativo: ha smesso di lottare per cercare il suo amo e vive solo su un’isola. Ha una storia personale triste (è stato abbandonato dai genitori, come narrano i suoi tatuaggi). Ha bisogno di recuperare la fiducia in se stesso e, grazie a Vaiana, parte, anche per rimediare agli errori commessi.

Il legame di Vaiana con la nonna è qualcosa di delicato, raro, magico, unico e prezioso, proprio come spesso le nostre bambine hanno con le nonne: molto più di una storia d’amore con un banale principe, come le classiche principesse di una volta.

La storia d’amore di Oceania è quella di Vaiana con il mare, con la sua nonna, con il suo popolo.

In Oceania c’è tanta avventura: Sissi si è emozionata e (l’avete vista a caldo nei suoi commenti su Snapchat e Ig Stories) è rimasta affascinata dalla navigazione. Ha chiesto perchè Vaiana ha disubbidito ai genitori e si è avventurata in mare senza permesso. Effettivamente… Io le ho risposto che Vaiana è grande e che, qualche volta, i genitori sbagliano e che grazie a lei il suo popolo si è salvato. A volte l’età ci fa più remissivi e rinunciatari, mentre la tenacia e l’esuberanza – peraltro tipiche dell’adolescenza – rappresentano il motus che porta, con coraggio, a risolvere i problemi.

La musica: ricordate che i film d’animazione sono rivolti a un pubblico di bambini, che con la musica comunica molto più di quanto non facciamo noi adulti. C’è tanta musica, cantata e non, e tutti i bambini in sala hanno apprezzato questo aspetto. Avete visto il ballo di Sissi in diretta sui titoli di coda?

Sissi è rimasta colpita anche dall’ambientazione, ricca di dettagli e perfetta grazie ad una accurata grafica: l’animazione digitale ci ha davvero immerso nella Polinesia. A tratti sembra quasi di poter toccare il mare cristallino o una delle 60 specie vegetali rappresentate. I colori vividi di mare, cielo e vegetazione colpiscono davvero tutti i sensi.

E voi, siete pronti a vedere Oceania? Io sto pensando di fare una piccola sorpresa a Sissi per la Befana e di aggiungere un personaggio scelto dall’ampia scelta dei Disney Store… indovinate quale?

LifestyleTravel

Un sogno: un viaggio in Giappone per il 2017

Buzzoole
La cultura giapponese mi ha sempre affascinato: la pacatezza, l’ordine, la compostezza che si respirano in tutto ciò che al Giappone è legato – dall’arredamento fino ad un piatto di sushi addirittura.

È quando si avvicina la fine dell’anno, tempo di bilanci e tempo di buoni propositi, che penso ai viaggi fatti e a quelli che mi piacerebbe fare.

Esistono luoghi che sono emblematici in alcune stagioni più che in altre e quando penso alle terre del sol levante penso alla primavera e alle piogge di petali rosati.
Un immaginario piuttosto comune: la geisha delle stampe giapponesi durante l’Hanami.

Un sogno: un viaggio in Giappone

Godrei della loro cultura, della loro arte, ma non solo anche del design dell’arredamento e sicuramente di qualche capo fashion.
Cercando qualche notizia on-line proprio sul Hanami, mi sono imbattuta in life.euromaster-pneumatici.it, dove ho trovato un interessante articolo sul foliage in autunno, in particolare quello degli aceri denominato Momijigari.

Non lo sapevo!

Con estremo piacere ho raccolto una quantità interessante di informazioni che utilizzerò nella pianificazione del viaggio dei miei sogni.
Nello stesso sito ho scoperto anche molti altri interessanti articoli su cultura, musica e viaggi: non solo riferiti a mete estere (ci sono anche Bruxelles e Bruges, che ho letto con piacere ricordando i nostri viaggi), ma anche a mete nostrane, come Roma.

Lifestyle

Benvenute vacanze di Natale: e ora come la intrattengo? Ci pensa la tv on demand: a casa e in viaggio

Buzzoole
L’avrete capito… ultimamente mia figlia è diventata una cinefila. Forse qualcosa tramandato nei geni, dato che io e mio marito siamo da sempre appassionati di film e serie: ricordo ancora i lunghi pomeriggi di inverno davanti al camino con il divano letto aperto a guardare le nostre serie preferite…

Evidentemente questa passione è giunta fino a Sissi, che davvero apprezza il cinema e le serie, quelle adatte ai bambini della sua età, dato che ovviamente esiste sempre un “filtro umano”… che sono io!

Uno dei film che abbiamo visto al cinema (nonostante le critiche, davvero infondate, credetemi) e che Sissi ha amato tanto da poi acquistarlo anche in DVD è stato Kung Fu Panda 3

Benvenute vacanze di Natale: e ora come la intrattengo?

Data la passione di Sissi, la risposta è semplice. Ci pensa la tv on demand: a casa e in viaggio. A casa nelle serate di festa e in viaggio, negli spostamenti per l’aeroporto e in aereo durante il viaggio, c’è bisogno anche di relax e intrattenimento e con TIMvision ci sono oltre 8.000 i titoli sempre disponibili, da scegliere e vedere on demand, senza interruzioni pubblicitarie.

Con l’abbonamento TIMvision finalmente Sissi potrà vedere ancora le avventure di Po in Kung Fu Panda 1 e Kung Fu Panda 2, inoltre, per chi non lo avesse ancora visto, nel VideoStore c’è anche Kung Fu Panda 3.

TIMvision: come funziona la tv on demand di TIM?

Con decoder collegato via ADSL illimitata o Fibra TIMvision può essere visto sul televisore di casa, che si trasforma in una piattaforma aperta ai contenuti resi disponibili sia dalla TV on demand di TIM che da quelli del web. E’ visibile anche su smart TV dove è presente l’applicazione dedicata TIMvision, da PC, attraverso il web e in mobilità su smartphone e tablet Apple, Android e Windows Phone 8/RT attraverso un’App scaricabile gratuitamente dai principali store. L’abbonamento TIMvision è offerto a 5 Euro al mese ed è riservato a tutti i clienti con ADSL illimitata o Fibra di TIM. Per tutti i clienti TIM Smart con offerte a partire da 29,90 Euro al mese, l’abbonamento TIMvision è incluso; questi clienti possono inoltre noleggiare il decoder TIMvision Android TV in promozione a 2 Euro al mese.

L’App TIMvision per mobile è compatibile anche con Chromecast che permette di riprodurre tutti i contenuti di TIMvision direttamente sulla TV di casa, senza consumare il traffico dati né la batteria del device mobile. L’abbonamento TIMvision in mobilità è offerto in promozione a 2,50 Euro al mese per i primi 6 mesi poi 5 Euro per attivazioni entro il 31 dicembre 2016, il primo mese è gratis. Ha la durata di un mese dalla data di attivazione e si rinnova automaticamente ogni 30 giorni, salvo disattivazione. L’abbonamento permette di guardare tutti i contenuti dell’App TIMvision e offre la possibilità di scaricare i contenuti acquistati o noleggiati sul tablet o smartphone per vederli anche in modalità offline.

Se non siete abbonati o non volete farlo, TIMvision propone anche per i non abbonati il Videostore con film appena usciti in DVD e grandi classici a partire da 1,99 fino a 4,99 Euro per il noleggio, e da 4,90 a 14,90 Euro per l’acquisto. I prezzi variano in base alla data di uscita, alla qualità (SD e HD) e a eventuali promozioni in corso.

Noi cominciamo con Kung Fu Panda 2… non credo ci annoieremo durante queste vacanze!

Per offrirti il miglior servizio possibile SissiWorld utilizza i cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.