Alimentazione dei bambini: consigli per lo svezzamento

Durante i primi 6 mesi di vita del bambino, la dieta ideale del neonato è esclusivamente il latte materno. Al raggiungimento dei 6 mesi inizierà l’introduzione delle prime pappe.

È stato dimostrato, attraverso tanti studi condotti negli ultimi decenni, che l’allattamento al seno ha i maggiori benefici, poiché protegge il bambino dalle infezioni e si riscontra una diminuzione di diarrea, otiti, raffreddori e allergie nei bambini alimentati in questo modo. Non c’è altro cibo che possa imitarne le qualità.

L’allattamento al seno non solo avvantaggia il bambino, ma anche la madre, in quanto consente all’utero di tornare alle sue dimensioni normali più rapidamente! Se per qualche motivo l’allattamento naturale al seno non è possibile, il bambino dovrà bere latte artificiale (latte vaccino modificato e fortificato simile al latte materno) per i primi sei mesi. Se l’aumento di peso del bambino è normale e sta crescendo bene, non ha bisogno di altri alimenti prima di quell’età: non c’è fretta di dare al tuo bambino cibo solido prima dei 6 mesi.

6 mesi: con cosa iniziamo lo svezzamento?

Il bambino può iniziare con le sue prime pappe quando raggiunge i 6 mesi, gradualmente. In questa fase l’alimentazione è mista o complementare, poiché l’introduzione dei primi semisolidi ha una funzione di apprendimento più che nutrizionale, ma l’alimentazione di base del bambino continuerà ad essere il latte.

Impariamo a mangiare bene perché mangiare è un’abitudine: quando il bambino inizia a introdurre i suoi primi alimenti, inizia a prendere l’abitudine alimentare che lo accompagnerà per tutta la vita.

A questo punto, possiamo iniziare a dare purea di verdure (patate, carote, zucca), purea di cereali (precotti e non) e purea di frutta (mela, banana, pera.) La frutta può essere naturale o cotta come composta, poiché fornisce vitamine, proteine, minerali e fibre. Il tutto a grandi linee: ricorda che prima di introdurre un alimento nella dieta del tuo bambino, dovresti consultare il tuo pediatra di famiglia.

Alcuni suggerimenti per iniziare

La chiave per un buon inizio dello svezzamento è – anzitutto e come in tutte le fasi del bambino – la calma e serenità della mamma, dell’ambiente che si ha attorno e una buona organizzazione!

La mamma può scegliere il momento in cui dare da mangiare: non importa se è mezzogiorno, pomeriggio o sera. Ciò che importa è che sia la madre che il bambino possano godersi quel momento rilassati e calmi. Se i sono fratelli più grandi, è buona abitudine far mangiare prima i più piccoli, che hanno bisogno di tempo e di attenzione.

Il secondo pasto viene inserito intorno agli 8 mesi, secondo un programma opposto al primo. Se il primo è stato il pranzo, il secondo sarà la cena, o viceversa. Il primo pasto sostituirà la poppata o il biberon che il bambino avrebbe preso in quel momento della giornata e lo stesso accadrà quando sarà incluso il secondo pasto giornaliero. Non è necessario allattare o dare il biberon dopo pranzo o cena se il bambino ha mangiato bene ed è sazio.

A 6 mesi il bambino è già abbastanza maturo da mettersi a sedere, guardare il cucchiaio e aprire la bocca, ma la lingua non si muove così tanto in avanti: non dimentichiamo che nella prima fase l’inserimento del cibo in bocca è quasi un gioco, abbiamo tempo fino all’anno perché il bambino “mangi bene”. Solo in questo momento il cibo coprirà tutte le sue necessità biologiche e il latte passerà in secondo piano.

Non disperare se all’inizio il bambino non mangia “bene”: è come un gioco, può sputare o rifiutare il cibo e questo è normale. In ogni caso, insisti con il gioco, magari con un giochino o con delle posate e bicchieri colorati, evita smartphone e tablet. Ci sono anche bambini che iniziano a mangiare bene pasti completi a 8 o 9 mesi. All’inizio lascia che il bambino faccia quello che vuole: succhiare il cucchiaio, sperimentare, sporcarsi le mani, impiastrare il tavolo… fa tutto parte del gioco e della nuova esperienza con il cibo!

All’inizio, le consistenze sono importanti: non dovrebbero essere né liquide né dense… prova a variarle un po’ finchè il bambino non le accetta, così da capire quale texture è più gradita al suo palato.

7 mesi

A 7 mesi, al bambino possono essere dati budini o mousse, fatti in casa o acquistati, che possono sostituire la frutta per dessert. Vengono inserite anche le verdure a foglia verde, polenta e semolino. Possiamo anche iniziare a dare il riso, ma trasformato in una sorta di porridge, per evitare che il piccolo si strozzi con i chicchi.

Le carni rosse e bianche, incluso il fegato, possono essere inserite anche intorno al settimo mese: forniranno principalmente le proteine necessarie per la crescita. Ricorda che devono essere sempre cotte alla perfezione.

8 mesi

All’ottavo mese, il bambino incorporerà il secondo pasto della giornata: se il primo pasto è stato il pranzo, sarà la cena o viceversa.

Da Farmacia Igea ho sempre trovato un’ampia scelta di alimenti per bambini , anche pasti completi, per preparare primi e secondi adatti alla fase di svezzamento.

Domande frequenti sullo svezzamento

A che età possono iniziare a mangiare amido di mais?

A 6 mesi.

Se gli diamo il pollo, qual è il modo migliore per cucinarlo? Al forno? Alla griglia? bollito?

Sono tutti buoni, l’importante è che rimanga morbido, tagliarlo piccolo e senza ossa.

Qual è il pesce che meglio si adatta ai bambini, per il problema delle spine?

Filetto di nasello, di coda di rospo o qualsiasi filetto (dopo averlo cotto puoi sminuzzarlo con le mani e sentire la presenza di eventuali spine).

E il fegato?

È ottimo e fornisce ferro alla dieta del bambino.

Quando può mangiare le uova? Inizia con l’albume o il tuorlo?

Il tuorlo può essere consumato strapazzato o in frittatina a 7/8 mesi e l’uovo intero all’anno.

Si possono dare i succhi di frutta?

Sono più adatti i succhi di frutta naturali, senza additivi. Se li fai in casa, magari con l’estrattore, ricorda che kiwi o fragola non dovrebbero essere inclusi nella dieta del tuo bambino fino all’anno.

Allergie alimentari

Ci sono alimenti che non dovrebbero essere inclusi prima dell’anno, soprattutto se c’è un precedente di allergie alimentari in famiglia. Tra loro:

  • Uova
  • Pesce
  • Cioccolato
  • Crostacei
  • Fragole e kiwi

Ricorda di consultare il pediatra e di richiedere la lista completa degli allergeni per ogni età del bambino!

Ferro e vitamine

Il ferro è un minerale molto importante e non dimentichiamo che durante i primi due anni di vita i bambini sperimentano una rapida crescita, che può causare l’esaurimento delle loro riserve di ferro.

Gli agrumi contengono una grande quantità di vitamina C, che favorisce l’assorbimento del ferro e dei sali di sodio e di potassio. Gli alimenti più ricchi di ferro sono la carne rossa, il fegato, il pesce e il pollo. Alcune verdure, come il crescione o gli spinaci, contengono ferro e, sebbene in misura minore, latticini.

Cibi da evitare e accortezze

No al miele: il suo consumo è sconsigliato, soprattutto nei bambini al di sotto di 1 anno e ci sono pediatri che lo sconsigliano fino a 3 anni. Il miele fresco non pastorizzato può trasmettere il botulismo, una grave malattia del sistema nervoso.

Ci sono inoltre cibi che vanno evitati fino ai 3 anni, in quanto sono molto duri e non si ingoiano facilmente per cui il bambino potrebbe soffocare. Questi alimenti sono:

  • Arachidi
  • Chicchi di mais
  • Popcorn
  • Caramelle dure
  • Frutta secca
  • Mela a spicchi (potete darla tagliata a pezzetti piccoli, come tutti i cibi solidi, che vanno tagliati a pezzetti).

Il cibo dovrebbe essere tagliato in pezzi molto piccoli in modo da evitare che il bambino soffochi. Dai 7 mesi la carne, rossa o bianca, deve essere accuratamente tagliata a pezzetti. Dobbiamo stare attenti se diamo al bambino il pane per intrattenersi, poiché se ha una briciola può formare un bolo in bocca.

Non è necessario aggiungere sale ai loro pasti, perché non sono abituati a sapori salati e non è salutare abusarne. Ci sono però cibi che non hanno sapore senza sale (ad esempio la polenta, o la pasta): in quel caso basta aggiungerne solo un pizzico. Quando daremo al bambino il primo pasto, gli offriremo un piatto salato (pasta, riso, polentina, ecc) e un dolce, che all’inizio sarà una purea di frutta.

Anche i bambini dovrebbero bere qualcosa ai pasti, proprio come facciamo noi adulti. Dovrebbero bere solo acqua, poiché le bibite contengono molto zucchero e tolgono l’appetito, oltre a predisporre alla carie.

Paola Agostini (sissi_mum)

Founder, director and editor in chief at SissiWorld

Photographer

https://www.sissiworld.net/aboutme/

You May Also Like

Talking Bobo: nuova collezione Bobo Choses AW21

Moda bimbo: Siola apre a Capri a Via Camerelle e lancia il nuovo e-commerce siola.com

Traiettorie Liquide: Federica Brignone e Bioclin per la pulizia di un fiume contro l’inquinamento

Marchi scandinavi per bambini: Villervalla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *