Art.Live! è il nuovo format per visite guidate in diretta

Per la prima volta al mondo, un nuovo format per godere dell’arte e partecipare a esclusive visite guidate in diretta alle mostre.

Arthemisia da sempre è sinonimo di innovazione nel settore dell’arte: dalle audioguide gratuite per tutti i visitatori nelle mostre, al linguaggio pop per semplificare i contenuti artistici, alle campagne promozionali coinvolgenti. Arthemisia da sempre investe perché l’arte sia a portata di tutti.

E, complice la crisi sanitaria del Covid, rilancia con una nuovissima forma di fruizione delle mostre: le visite guidate online in diretta.

Pierre Auguste Renoir (1841-1919) Ritratto di Victorine de Bellio, 1892 Olio su tela, 55×46 cm Parigi, Musée Marmottan Monet, dono Eugène e Victorine Donop de Monchy, 1940 © Musée Marmottan Monet, Paris / Bridgeman Images

Art.Live! è il nuovo format per visite guidate in diretta

A differenza dei tantissimi contenuti virtuali disponibili gratuitamente su Internet, Arthemisia ha deciso di coinvolgere il pubblico in maniera più attiva, offrendo la stessa identica emozione che si prova facendo una visita guidata “in carne e ossa”. E così ha ideato il nuovo format Art.Live!: si acquista il biglietto a un prezzo popolare (5 euro), si prenota la visita, ci si connette in maniera molto semplice, e non resta che godersi – da soli, in compagnia e da qualsiasi luogo del mondo si voglia – il viaggio nelle sale di una mostra, guidati da esperti comunicatori.

Claude Monet (1840-1926) Le rose, 1925-1926 Olio su tela, 130×200 cm Parigi, Musée Marmottan Monet, lascito Michel Monet, 1966 © Musée Marmottan Monet, Paris / Bridgeman Images

La diretta rende l’esperienza “vera” e, nonostante si sia collegati con centinaia di persone contemporaneamente, è come fare una visita privata ed esclusiva, al termine della quale poter fare domande e approfondire i temi della visita.

Il primo esperimento di Art.Live! è stato fatto durante le vacanze natalizie con la mostra “Monet e gli Impressionisti”, allestita a Bologna. A sorpresa, sono stati oltre tremila i biglietti venduti in pochissimi giorni, anche all’estero (tanti collegamenti da USA, Francia, Canada e Portogallo), con enorme apprezzamento del pubblico e richieste da tutto il mondo.

Claude Monet (1840-1926) Il treno nella neve. La locomotiva, 1875 Olio su tela, 59×78 cm Parigi, Musée Marmottan Monet, dono Eugène e Victorine Donop de Monchy, 1940 © Musée Marmottan Monet, Paris / Bridgeman Images
Pierre Auguste Renoir (1841-1919) Fanciulla seduta con cappello bianco, 1884 Pastello su carta, 62×47 cm Parigi, Musée Marmottan Monet, dono Nelly Sergeant-Duhem, 1985 © Musée Marmottan Monet, Paris / Bridgeman Images

Si riparte quindi con due nuovi appuntamenti, il 24 e il 31 gennaio alle ore 18 con Monet, un viaggio unico tra i 57 capolavori di Monet e dei più grandi Impressionisti, accompagnati dal divulgatore d’arte Sergio Gaddi.

Pierre Auguste Renoir (1841-1919) Lo stagno, Cagnes o Paesaggio di Cagnes-sur-Mer,1905 Olio su tela, 46×55 cm Parigi, Musée Marmottan Monet, deposito della Fondation Ephrussi de Rothschild, Saint-Jean- Cap-Ferrat, 2018 © Christian Baraja SLB

E non solo. A breve, infatti, inizieranno anche le visite guidate in diretta alla scoperta dei grandi capolavori de “Le Signore dell’Arte. Storie di donne tra ‘500 e ‘600” (in prossima apertura a Palazzo Reale di Milano) e “Manolo Valdés. Le forme del tempo” (allestita al Museo di Palazzo Cipolla di Roma).

Sono molto orgogliosa di questo progetto. Ho osservato le tante cose offerte da Internet in questo periodo, ma non mi convincevano, mancava qualcosa. La gratuità e l’accesso libero sminuiscono il valore dell’offerta, che peraltro è talvolta autoreferenziale e noiosa. Ho voluto sperimentare le visite in diretta senza aver nessun riferimento perché nessuno lo ha fatto prima di noi, e sono rimasta colpita dal seguito che abbiamo avuto. E la cosa che più mi piace di questo nuovo progetto, è che non finirà con il Covid, ma anzi si svilupperà sempre di più allargando il bacino di utenza delle mostre. La visita in diretta online non è un sostituto della visita “vera”, ma consente a tutti di vedere quelle mostre che non si potranno visitare per i motivi più diversi. Vedo del grande potenziale in questo progetto, e il mio obiettivo è di far visitare in questo modo tutte le mostre del mondo.

Iole Siena, Presidente del Gruppo Arthemisia
Claude Monet (1840-1926) Ninfee, 1916-1919 circa Olio su tela, 150×197 cm Parigi, Musée Marmottan Monet, lascito Michel Monet, 1966 © Musée Marmottan Monet, Paris / Bridgeman Images

Art.Live! CON MONET

Il biglietto è acquistabile su www.arthemisia.it o www.palazzoalbergati.com (acquisto possibile fino alle ore 14.00 di ciascuna data) al prezzo di 5€ (+ diritti d’agenzia)

Modalità di partecipazione: App Zoom

Dopo aver acquistato il biglietto (*se si tratta di un regalo a terzi, specificare nei campi appositi i dati del partecipante all’evento: nome, cognome e email), a partire dalle ore 15.00 del giorno dell’evento, riceverete da Zoom la mail con il link e le credenziali di accesso per partecipare alla visita in diretta. In ogni caso, un’ora prima della partenza del tour, verrà inviata una mail di promemoria. Ricordati di scaricare la app Zoom e accedi cliccando sul link ricevuto o inserendo le credenziali indicate. A fine visita di sarà un momento Q&A.

Date e orari

– 24 gennaio, ore 18.00

– 31 gennaio, ore 18.00

Berthe Morisot (1841-1895) Donna con ventaglio o Il ballo, 1875 Olio su tela, 62×52 cm Parigi, Musée Marmottan Monet, dono Eugène e Victorine Donop de Monchy, 1940 © Musée Marmottan Monet, Paris / Bridgeman Images

La mostra Monet e gli Impressionisti. Capolavori dal Musée Marmottan Monet

La mostra Monet e gli Impressionisti. Capolavori dal Musée Marmottan Monet, Parigi, comprende un insieme di 57 capolavori che portano le firme di Monet e dei maggiori esponenti dell’Impressionismo francese – quali Manet, Renoir, Degas, Corot, Sisley, Caillebotte, Morisot, Boudin, Pissarro e Signac – tutti provenienti dal Musée Marmottan Monet di Parigi, noto nel mondo per essere la “casa dei grandi Impressionisti”.

Claude Monet (1840-1926) Il ponte dell’Europa, Stazione Saint- Lazare, 1877 Olio su tela, 65×81 cm Parigi, Musée Marmottan Monet, dono Eugène e Victorine Donop de Monchy, 1940 © Musée Marmottan Monet, Paris / Bridgeman Images

Un’anteprima assoluta dal momento che, per la prima volta dalla sua fondazione nel 1934, il Museo parigino cede in prestito un corpus di opere uniche, molte delle quali mai esposte altrove nel mondo.

In controtendenza rispetto al panorama internazionale, la mostra rappresenta – oltre a un importante progetto dal punto di vista espositivo – una grande sfida, in un momento ancora segnato da forte incertezza a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19.

Un percorso espositivo che vede primeggiare – accanto a capolavori cardine dell’impressionismo francese come Ritratto di Madame Ducros (1858) di Degas, Ritratto di Julie Manet (1894) di Renoir e Ninfee (1916-1919 ca.) di Monet – opere inedite per il grande pubblico perché mai uscite dal Musée Marmottan Monet. È il caso di Ritratto di Berthe Morisot distesa (1873) di Édouard Manet, Il ponte dell’Europa, Stazione Saint-Lazare (1877) di Claude Monet e Fanciulla seduta con cappello bianco (1884) di Pierre Auguste Renoir.

Berthe Morisot (1841-1895) Pastorella sdraiata, 1891 Olio su tela, 63×114 cm Parigi, Musée Marmottan Monet, lascito Annie Rouart, 1993 © Musée Marmottan Monet, Paris / Bridgeman Images

La mostra Monet e gli Impressionisti. Capolavori dal Musée Marmottan Monet, Parigi vuole anche rendere omaggio a tutti quei collezionisti e benefattori – tra i quali molti discendenti e amici degli stessi artisti in mostra – che, a partire dal 1932, hanno contribuito ad arricchire la prestigiosa collezione del museo parigino rendendola una tra le più ricche e più importanti nella conservazione della memoria impressionista.

Pierre Auguste Renoir (1841-1919) Ritratto di Julie Manet, 1894 Olio su tela, 55×46 cm Parigi, Musée Marmottan Monet, lascito Annie Rouart, 1993 © Christian Baraja SLB
Alfred Sisley (1839-1899) Il canale del Loing in primavera, 1892 Olio su tela, 54×66 cm Parigi, Musée Marmottan Monet, dono Nelly Sergeant-Duhem, 1985 © Musée Marmottan Monet, Paris / Bridgeman Images
Claude Monet (1840-1926) Passeggiata ad Argenteuil, 1875 Olio su tela, 61×81,4 cm Parigi, Musée Marmottan Monet, dono Nelly Sergeant-Duhem, 1985 © Musée Marmottan Monet, Paris / Bridgeman Images

Paola Agostini (sissi_mum)

Founder, director and editor in chief at SissiWorld

Photographer

https://www.sissiworld.net/aboutme/

You May Also Like

“Adorabilmente selvaggi” The QT SS21 una collezione moda bambino sostenibile

Balloon Chic SS21: outfit per bambine eleganti

#Principesse 2.0 il libro perfetto per la giornata della terra

Profumatori per ambienti per creare atmosfera in casa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *