Da green beauty a clean beauty: l’evoluzione etica della sostenibilità nella cosmesi

La sostenibilità è da anni al centro del dibattito tra gli stakeholder dell’industria cosmetica e Wecosmoprof ha raccolto anche nell’edizione digitale le varie proposte delle aziende partecipanti.

Da green beauty a clean beauty: l’evoluzione etica della sostenibilità nella cosmesi

A lungo la “green beauty” ha colonizzato gli scaffali di profumerie e catene della grande distribuzione, portando al centro dell’attenzione il rapporto tra abitudini di consumo e rispetto dell’ambiente. L’aggravarsi dello stato di salute del nostro pianeta ha però evidenziato la necessità di un cambio di passo per il settore. La ricerca tecnico-scientifica ha dimostrato che il solo utilizzo di ingredienti di origine vegetale non basta. Il consumatore è oggi consapevole che l’origine degli ingredienti vegetali, le modalità di estrazione e approvvigionamento, gli scarti e le emissioni dei processi di lavorazione sono le unità di misura per capire il reale impatto ambientale di un prodotto. 

La filiera cosmetica non è più solo “green” e naturale, ma clean: un termine che rimanda ad un’idea di pulizia e di trasparenza nei processi produttivi, perché non c’è un pianeta di riserva, e ogni volta che scegliamo un prodotto per la nostra beauty routine compiamo una scelta di responsabilità etica e sociale.

L’attenzione al bene del pianeta passa anche dalle scelte di approvvigionamento delle materie prime: Vegetal Color è la colorazione capillare 100% biologica di Herbatint, a base esclusiva di erbe tintorie e piante ayurvediche coltivate responsabilmente in India senza l’uso di pesticidi e fertilizzanti, nel rispetto dell’ambiente e delle persone. Vegetal Color è membro di 1% for the Planet, l’associazione che collega imprese e organizzazioni a collaborare a difesa della nostra madre terra. Per ogni confezione venduta, l’1% dei ricavi viene donato ad associazioni ambientali no profit.

Per CONFALONIERI MATITE, la sostenibilità è un impegno solenne. Immersa nel cuore delle Alpi, la Divisione Ricerca e Sviluppo dell’azienda ha ideato matite realizzate interamente in legno, certificate PEFC Sustainable Forestry. La nuova linea, THINK GREENER, è composta da formule vegane ad alto contenuto di vitamina E e olio di cocco. L’ alto contenuto di pigmenti garantisce inoltre un ottimo rilascio del colore.

NATURTINT di Laboratorios Phergal è il primo colorante per capelli ad aver ottenuto nel 2020 la certificazione USDA, un prestigioso riconoscimento rilasciato dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti per i prodotti a base biologica ottenuti da sistemi di agricoltura sostenibile. 

Per Pennelli Faro la sfida per restare competitivi sul mercato è creare strumenti sostenibili senza compromettere la qualità, la compatibilità delle formule e l’estetica. La gamma ECOSOPHY® comprende tre soluzioni di applicatori eco-compatibili. L’ultima novità è SOLO®, il primo pennello monomateriale sul mercato brevettato, 100% riciclato e infinitamente riciclabile. SOLO® è realizzato interamente con la plastica di bottiglie di acqua post-consumo. A fine vita, il prodotto può essere smaltito senza necessità di separazione o differenziazione.

YOPE utilizza principi attivi concentrati al 100% derivati da piante selvatiche. Ogni ingrediente viene utilizzato al massimo delle sue potenzialità grazie alla combinazione di metodi di estrazione delicati e processi basati sulla fermentazione. Il packaging è riciclabile, e il brand incentiva il riciclaggio degli imballaggi mettendo a disposizione anche formati appositi. 

Alterlook Professional produce prodotti per la cura dei capelli per la vendita nei canali professionali e al dettaglio sia in Europa che in Brasile. La formulazione senza acqua è l’elemento chiave della filosofia del marchio, che accende i riflettori sul tema della gestione delle risorse idriche.

Paola Agostini (sissi_mum)

Founder, director and editor in chief at SissiWorld

Photographer

https://www.sissiworld.net/aboutme/

You May Also Like

Kånken Me, il leggendario zaino Kånken diventa personalizzato

Come curare la pelle a settembre

Come scegliere il materiale scolastico

Come idratare il contorno occhi: le migliori creme antirughe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *