Dove mangiare a Roma: Borgo della Mistica, gusto, benessere e natura a due passi dal centro

Dove mangiare a Roma? Come scappare dai tipici menù turistici e assaporare qualcosa di più “vero”? Oggi vi raccontiamo un progetto che si sviluppa nel cuore della Tenuta della Mistica, accanto all’Acquedotto Alessandrino, in piena campagna anche se all’interno del Grande Raccordo Anulare della città di Roma. È il Borgo della Mistica, nuova sfida imprenditoriale della famiglia Federici che ha voluto rivoluzionare questa zona puntando su ristorazione di qualità, benessere e valorizzazione del tempo libero.

Il Borgo sorge attorno agli orti produttivi e didattici della Tenuta, interessati dalla vendita diretta e dalla trasformazione. Il progetto si pone l’obiettivo di “sostenere un’economia locale che includa i prodotti agricoli e agroalimentari del territorio – dalla produzione al consumo – e quello di salvaguardare la sostenibilità oltre che la cura delle buone abitudini alimentari” sottolinea Fortunato Federici, responsabile del coordinamento dell’iniziativa.

La Tenuta della Mistica, oggetto di importanti scavi archeologici nel corso dell’800, viene acquistata dalla famiglia Federici negli anni trenta e rimane per molto tempo una tenuta agricola con allevamento di animali, e punto di arrivo della transumanza. A partire dal 2006 diviene protagonista di un’opera di trasformazione urbanistica la quale ha peraltro permesso l’insediamento  di diverse realtà sociali quali Cooperativa Sociale Agricoltura Capodarco e l’Associazione Volontari Capitano Ultimo Onlus.

In parallelo è stata sviluppata un’area dedicata all’accoglienza con la costruzione dell’Hampton by Hilton Rome East nel 2017 in gestione alla società Fresia Hotels & Resorts Srl, società di riferimento del Gruppo Federici. Il complesso avrà ora un nuovo assetto grazie al Borgo della Mistica ed al suo ristorante, vero cuore pulsante del progetto, assieme alla biopiscina aperta anche al pubblico esterno. “Da alcuni anni abbiamo deciso di puntare sulla riqualificazione dei casali agricoli della tenuta con l’obiettivo di creare una destinazione inclusiva – attorno al food e alla esperienzialità –  a  servizio di questo quadrante della città, il quale ha un gran bisogno di aree verdi e servizi per giovani e famiglie. Il progetto architettonico è stato curato dallo studio Supervoid Architects valorizzando l’architettura produttiva delle strutture in chiave contemporanea anche grazie all’applicazione del colore rosso, tipico delle case cantoniere, su diversi materiali utilizzati: pietra facciavista – intonaco – cortina – cemento pigmentato, metallo e pvc” aggiunge Fortunato Federici.

Dove mangiare a Roma: Borgo della Mistica, gusto, benessere e natura a due passi dal centro

Il Borgo della Mistica include un ristorante con piscina e un centro congressi che ospiterà due sale meeting (40 e 10 posti) e una sala plenaria da 200 posti. Il concetto di “Campagna in città”, declinato da BLA Studio, agenzia di branding e comunicazione tutta al femminile che ha costruito lo storytelling del progetto, è rappresentato anche dall’impianto di vinificazione e cantina ospitata in uno dei casale ristrutturati. “Abbiamo pensato ad un ambiente con una dimensione pastorale ma contemporaneo, a pochi passi dalla città. Il ristorante ci permetterà di dar forma alla nostra idea di onestà gastronomica che punta su gusto e identità” sottolinea Federici. A guidare le operazioni in cucina ci sarà Ornella De Felice, che dopo esperienze di rilievo dal punto di vista umano e professionale come quella da Coromandel, ha deciso di sposare il progetto di Borgo della Mistica: “Mi ha conquistata il dover costruire tante cose da zero qui nella Tenuta della Mistica, potendoci mettere molto di mio. Valorizzare l’elemento paesaggistico nella proposta gastronomica, che non vuol dire cucina semplice, ma significa accoglienza completa, sotto ogni punto di vista, per vivere un’esperienza a portata di mano dalla città: questo è il mio obiettivo” dichiara la chef originaria di Nettuno che nel piatto mette questo insieme di cose. Un approccio che si traduce in una cucina concreta, biologica e sostenibile grazie alla collaborazione con aziende del territorio, per creare rete e valorizzare il contesto nel quale si trovano. “I formaggi e la ricotta sono del casaro che vive nella Tenuta, le uova di Arianna Vulpiani, le verdure di Capodarco” sottolinea Ornella De Felice.

Un ristorante da 80 coperti interni e 40 esterni oltre una grande lounge accanto al bar della piscina, operativo da inizio maggio tutte le sere a cena e anche a pranzo nel weekend (chiuso il lunedì). Nel menu ci sarà spazio per sapori autentici e genuini con richiami alla tradizione culinaria romana: dall’Uovo a 65° con Vignarola alla Polpetta di Bollito alla Picchiapò, passando per la sezione dedicata ai Fritti (Fiori di zucca, Baccalà fritto, Mozzarella in carrozza con la ‘nduja) e la Pizza curata da Pizzeria Frumento. “Punteremo su carne di qualità, primi che valorizzano sia la tradizione che i vegetali e dolci fatti in casa. Un insieme di piatti che possa rappresentare al meglio la mia idea di cucina e la filosofia di Borgo della Mistica” aggiunge De Felice. Accanto alla proposta gastronomica ci sarà naturalmente anche la Carta dei Vini curata da Heros Tedesco, F&B Manager del Borgo, che punterà sul territorio ma anche su produttori naturali da tutta Italia grazie alla collaborazione con Les Caves de Pyrenne, senza dimenticare le birre artigianali.

Borgo della Mistica

Viale Marisa Bellisario, 300

00155, Roma (RM)

Tel. 06 69398 505

Aperti dal martedì al venerdì a cena

Sabato e domenica a pranzo e cena

Lunedì chiuso

Credit Photo: Emanuela Rizzo Ph.

Pubblicato da

Paola Agostini (sissi_mum)

Founder, director and editor in chief at SissiWorld Photographer https://www.sissiworld.net/aboutme/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Exit mobile version