Estate e alimentazione in famiglia: 5 consigli della nutrizionista

Le temperature si stanno alzando, mentre la voglia di appetito si abbassa sempre più. L’arrivo della bella stagione ci permette di pensare alle vacanze estive, ma allo stesso tempo è necessario dedicarsi al nostro benessere alimentare per contrastare gli errori che spesso si commettono a tavola e la disidratazione, soprattutto per i più piccoli della famiglia.

Estate e alimentazione in famiglia: 5 consigli della nutrizionista di Parentsmile

Parentsmile, la prima piattaforma europea per il supporto e il benessere a domicilio di tutta la famiglia, cerca di aiutare e supportare i genitori sempre, anche nei periodi dell’anno più caldi. Manuela Laurenza, biologa nutrizionista di Parentsmile, ci spiega quali sono le buone abitudini da tener presente a tavola durante il periodo estivo.

Per una corretta idratazione

“L’estate ormai bussa alla porta tenacemente e coloro che più risentono delle temperature della bella stagione sono i bambini che tendono a sentire meno il senso della fame. Differenti studi attestano che circa 7 bambini su 10 in estate presentano inappetenza. Non c’è da preoccuparsi, anzi è naturale. Il corpo di un bambino è una macchina talmente efficace e performante da comprendere le sue reali esigenze” spiega Manuela.

L’importante è preferire cibi freschi, genuini e altamente digeribili senza dimenticare di assumere il corretto apporto di acqua giornaliero, specie se si è in spiaggia. L’ideale è portare sempre con sé una bottiglietta d’acqua, preferibilmente a temperatura ambiente o fresca e non troppo fredda.

Idee Pranzo sotto l’ombrellone: freschezza, semplicità e genuinità

Sotto l’ombrellone è meglio consumare piatti unici, freddi e pratici. Via libera a insalate di pasta e di riso, cous cous o altri cereali – meglio di natura integrale – da associare a una buona fonte proteica di carne o preferibilmente di pesce e verdura cruda fresca di stagione. Una buona fonte proteica da aggiungere alle insalate è sicuramente del pesce, anche in scatola (tonno, salmone, sgombro), dell’affettato magro (bresaola, prosciutto crudo e cotto senza conservanti, fesa di pollo), dei formaggi magri come primo sale, fiocchi di latte o anche del formaggio greco, tipo feta, o uova. Evitare ulteriori salse per il condimento, l’olio evo dà il giusto apporto di acidi grassi insaturi, benefici per il nostro organismo.

La ricetta consigliata dalla nutrizionista: salsa semplicissima fatta solo con yogurt bianco, olio evo, sale ed erba cipollina. Un buon sostituto alle salse più caloriche che contribuiscono ad appesantire la digestione.

Merenda estiva: al via frutta e verdura fresca!

Una ricarica di freschezza e vitamine con spremute di frutta fatte in casa o succhi di frutta senza zuccheri aggiunti sono l’ideale dal punto di vista nutrizionale. E se non ama la frutta si può proporre verdura fresca e di stagione come carote e cetrioli tagliate a listarelle.

​​Altre idee per merenda fuori casa o in spiaggia: frutta fresca e secca (es.: albicocche e mandorle/nocciole/anacardi/pistacchi al naturale), yogurt da bere/yogurt bianco + frutta fresca/succo di frutta senza zuccheri aggiunti + monoporzione  di parmigiano/spiedini di frutta e bocconcini di mozzarella.

Attenzione alle ore più calde, sia per i grandi che per i più piccoli

“Fondamentale è non abbandonare le passeggiate fuori o l’attività fisica durante l’estate, ma bisogna stare attenti all’afa estiva” – spiega la nutrizionista.

Consigliato per i più grandi non allenarsi nelle giornate più calde o con umidità superiore al 80%[1]  e approfittare delle ore più fresche della prima mattina. Inoltre è necessario scegliere tessuti traspiranti e iniziare ad idratarsi almeno mezz’ora prima dell’allenamento. Per i più piccoli, invece, si consiglia di non uscire per una passeggiata o per andare al parco nelle ore più calde e se si è in spiaggia è l’ideale godere dell’ombra dell’ombrellone. Con i bambini, infatti, bisogna prestare maggiore attenzione evitando la spiaggia nelle ore più calde e usando una  buona  protezione solare accompagnata da bandana o cappellino. 

Sì al Gelato, ma con moderazione!

“Sfatiamo un mito: il gelato alla frutta non è più dietetico, anzi spesso è ricavato da puree di frutta ad alta concentrazione di zuccheri e non è privo di latte. Quindi ben venga un buon gelato al cioccolato o altra crema! Si può giocare con le quantità, magari preferire una coppetta o un cono più piccolo” – aggiunge l’esperta.

Un gelato è, dunque, da preferire come spuntino e non come sostituto di un pasto, perché ricco in carboidrati e grassi e poco bilanciato. La scelta del gusto può dipendere solo ed esclusivamente dalla preferenza personale. 

NOVITA’ del Metodo ZeroFame®: nessun cibo deve essere vietato e quindi una valida alternativa da preparare a casa è il Banana-Ice: un gelato/mousse, a base di sola banana e frutti rossi preferiti, congelati e poi mixati.

“Per rendere più completa la merenda basta aggiungere della granella di frutta secca e dello yogurt bianco. Un bel mix di zuccheri semplici, minerali, proteine e grassi insaturi” conclude Manuela.

Grazie alla piattaforma Parentsmile, accedendo dal sito https://parentsmile.com/, è possibile prenotare una visita o un video consulto con lo specialista per una prima visita nutrizionale sia per i piccoli che per gli adulti -mamme in gravidanza, in fase di allattamento, post parto, in menopausa- visita nutrizionale pediatrica, sessione di educazione nutrizionale e riabilitazione per disturbi alimentari.


[1] 1. O’Connor FK, Stern SE, Doering TM, Minett GM, Reaburn PR, Bartlett JD, Coffey VG. Effect of  Individual Environmental Heat-Stress Variables on Training and Recovery in Professional Team  Sport. Int J Sports Physiol Perform. 2020 Jun 26;15(10):1393-1399. doi: 10.1123/ijspp.2019- 0837. PMID: 32590345.

Paola Agostini (sissi_mum)

Founder, director and editor in chief at SissiWorld

Photographer

https://www.sissiworld.net/aboutme/

You May Also Like

Welcome to Pitti Island! Pitti Bimbo 95

Visitare Ercolano con i bambini

Marchi sostenibili per bambini: Marie Puce

Occhiali da sole per bambini? Sì, ma con stile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.