For KidsFor momsKids fashionMoms Fashion

È la Fashion Revolution Week!

Ad Aprile 2018 cade il quinto anniversario del crollo della fabbrica di Rana Plaza e si celebrano i 5 anni dalla nascita di Fashion Revolution Week. In questi anni milioni di persone si sono unite a Fashion Revolution per chiedere un’industria della moda più equa e trasparente. Tutto ciò per garantire che i marchi continuino ad ascoltare e creino il cambiamento permanente necessario per garantire che non si veda mai più una tragedia come quella di Rana Plaza.  Cosa possiamo fare? Possiamo aderire a Fashion Revolution facendo una semplice domanda: Who Made My Clothes?

Fashion Revolution: 5 risultati in 5 anni

1. L’anno scorso sono stati coinvolti 2 milioni di persone in tutto il mondo. Più di 100.000 persone hanno usato i social media per chiedere ai brand #whomademyclothes

2. I marchi stanno ascoltando e l’industria sta iniziando a cambiare. 2.416 marchi hanno risposto alle richieste di #whomademyclothes e hanno condiviso informazioni sulla loro catena di produzione. Oltre 150 grandi marchi hanno pubblicato report sulle fabbriche dove sono realizzati i loro vestiti.

Marimekko
GStarRaw

3. I produttori, gli agricoltori, le fabbriche delle catene di approvvigionamento della moda sono diventati più visibili attraverso i social media. Lo scorso Aprile sono stati ascoltati oltre 3600 produttori, attraverso l’hashtag #imadeyourclothes. E le condizioni di lavoro sono migliorate. Centinaia di fabbriche in Bangladesh sono ora luoghi di lavoro più sicuri. Più di 1.300 fabbriche sono state ispezionate dai fatti di Rana Plaza e 1,8 milioni di lavoratori hanno ricevuto informazioni sulla sicurezza delle fabbriche. 515 fabbriche, l’87% degli esportatori di abbigliamento in Cambogia, hanno pubblicato dati sulla conformità delle loro condizioni di lavoro.
4. I salari minimi per i lavoratori del settore abbigliamento sono aumentati in luoghi come il Bangladesh e la Cambogia, ma c’è ancora molto da fare. Il governo del Bangladesh ha stabilito un aumento del 77% del salario minimo a $68 al mese per i lavoratori dell’abbigliamento. 18 grandi marchi e rivenditori hanno aderito un accordo per ottenere salari di sussistenza per i lavoratori con contrattazione collettiva.
5. I marchi stanno iniziando a ridurre l’uso di sostanze chimiche tossiche e a chiarire la loro catena di approvvigionamento. Oltre 70 marchi e fornitori si sono impegnati a eliminare i prodotti tossici entro il 2020 e rimuovere le sostanze chimiche dannose dalle loro catene di approvvigionamento. Insieme, questi marchi rappresentano il 15% della produzione tessile globale. Oltre 100 marchi si sono impegnati a lavorare per un sistema di moda con economia circolare. Ma i nostri armadi continuano a traboccare di vestiti, l’industria continua a ingrandirsi e a muoversi più velocemente. Compriamo più vestiti che mai e li indossiamo per la metà del tempo che avevamo prima. Questo è il motivo per cui dobbiamo rendere nostro nel vissuto quotidiano #lovedclotheslast.

Fashion Revolution Manifesto

Durante la Fashion Revolution Week, il Manifesto presenta chiare richieste per un settore della moda migliore nel futuro. Contiene 10 punti che invitano a smettere di sfruttare le persone e distruggere il nostro pianeta. Richiederà un cambiamento radicale e rivoluzionario e Fashion Revolution chiede alle persone di aderire al Manifesto per dimostrare l’urgente necessità di cambiamento.

Fashion Transparency Index 2018

La terza edizione del Fashion Transparency Index ha pubblicato un elenco di 150 tra i più grandi marchi e rivenditori di abbigliamento e moda a livello globale con quante informazioni condividono sulle loro politiche e pratiche sociali e ambientali.
I marchi sono stati scelti sulla base del loro fatturato annuale, oltre $500 milioni di dollari, e rappresentano una vasta gamma di segmenti di mercato tra cui high street, lusso, abbigliamento sportivo, accessori, calzature e denim provenienti da tutta Europa, Nord America, Sud America e Asia.
Sempre più marchi stanno comprendendo l’importanza di pubblicare informazioni sui loro fornitori e sui loro codici di condotta. Questo è un passo importante verso la richiesta di una maggiore trasparenza della catena di approvvigionamento.

Fashion Open Studio

Fashion Open Studio è un’iniziativa mondiale di eventi interattivi che si svolge durante la Fashion Revolution Week. Per la seconda volta, questo calendario internazionale di presentazioni, conferenze, inaugurazioni e workshop farà luce su innovativi designer emergenti, affermati apripista e protagonisti, che stanno trovando modi alternativi per produrre una moda attenta al pianeta e alle sue risorse. Fashion Open Studio fa parte dell’iniziativa #whomademyclothes riconosciuta a livello mondiale. L’industria è alla ricerca di risposte e sono i marchi più piccoli a trovare nuovi modi innovativi di fare le cose.
Katharine Hamnett, Burberry and Elvis and Kresse, Stella McCartney, Phoebe English, OneByMe, Kepler, Christopher Raeburn, Katie Jones sono solo alcuni nomi per gli eventi che si svolgeranno a livello mondiale durante la Fashion Revolution Week.
Orsola de Castro, fondatrice di Fashion Revolution, ha dichiarato: “La moda è il riflesso della cultura in cui viviamo, quindi insieme dobbiamo cambiare la cultura che la circonda in un che richieda leadership positiva, trasparenza, responsabilità e una vita migliore a tutto tondo. L’industria della moda dovrebbe basarsi su etica e sostenibilità “.

Carry Somers, fondatrice di Fashion Revolution, ha dichiarato: “Cinque anni fa, il crollo della fabbrica del Rana Plaza ha scosso il mondo della moda, e ha infiammato il più grande movimento di attivismo della moda del mondo per un’industria della moda più giusta e più sicura. Da quando è iniziato Fashion Revolution, persone di tutto il mondo hanno usato la propria voce e il proprio potere per dire ai brand che le cose devono cambiare. E sta funzionando. L’industria sta iniziando a cambiare. Altre marche sono aperti sul dichiarare dove sono prodotti i loro capi. Più produttori stanno rendendo le loro fabbriche più sicure. Altri produttori vengono visti e ascoltati.
“Ma la storia è tutt’altro che finita. Stiamo solo iniziando. Non possiamo fermarci fino a quando ogni produttore di abbigliamento che realizza i vestiti che amiamo è visto, ascoltato, pagato correttamente e lavora in condizioni di sicurezza. “
Per ulteriori informazioni e altre idee su come partecipare, puoi visitare www.fashionrevolution.org

Summary
È la Fashion Revolution Week!
Article Name
È la Fashion Revolution Week!
Description
È la Fashion Revolution Week!
Author
Publisher Name
SissiWorld
Publisher Logo

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *