Il nuovo film Disney di Natale: Oceania. Le nostre impressioni post visione

Ho letto tante critiche contrastanti sul nuovo film Disney di Natale. In molti accusavano Oceania di avere una trama scontata ed inconsistente a scapito della splendida grafica.

Siamo andati al cinema a Santo Stefano (Oceania è stato campione d’incassi con quasi 2 milioni di euro incassati e ben 272mila spettatori –  Fonte Audiweb – dati di lunedì 26 dicembre 2016): eravamo preparati sulla trama… prima che uscisse nelle sale, Sissi si è innamorata di Vaiana, della sua bambola da bambina, che avete visto qui, e del librino che abbiamo acquistato nell’attesa che uscisse nelle sale. Poi l’influenza, il Natale… e alla fine siamo riusciti ad incontrare Vaiana sul grande schermo.

Voglio partire con una considerazione: perchè i genitori pretendono dal cinema, dai giocattoli, dai libri, dalla scuola, dai nonni, dalle maestre, dal parchetto che educhino i propri figli? Il ruolo di educatori è dei genitori: fatevene una ragione. E’ l’essenza profonda dell’essere genitori, compito e responsabilità grandi (giganti) correlati alla paternità/maternità. Non si può pretendere che tutto quanto ho menzionato sostituisca il nostro ruolo – e dovere – di genitori: può supportarlo indubbiamente, ma non può sostituirlo. E non si può cercare in ogni cosa una vena intellettuale ed educativa… ci sono momenti di gioco e divertimento, momenti da dedicare alla spensieratezza e alla gioia, da assaporare semplicemente così. Oceania è un film di Natale, rappresenta anzitutto un momento da passare in famiglia durante le vacanze natalizie: per godere della compagnia reciproca, per stringersi la mano quando l’avventura si fa pericolosa, per ballare al ritmo della musica polinesiana… e magari, a casa, fare insieme qualche riflessione.

Ho letto tante critiche al personaggio di Vaiana. Invece…

…a noi Vaiana è piaciuta: è coraggiosa e tenace. Affronta i problemi senza abbattersi ed è spinta a scoprire le proprie origini e se stessa, proprio come ogni adolescente. Non è una principessa (lo afferma lei stessa): è la figlia del capo, ha quasi un ruolo politico. Ama il proprio popolo e lotta per la sua gente. Non è anoressica, ha una fisicità morbida che riflette i corpi delle belle donne polinesiane. Non corrisponde allo stereotipo della bella principessa con gli occhi azzurri e i capelli biondi. Vuole imparare a navigare, si sforza per impararlo, chiede aiuto a Maui per farselo insegnare… e alla fine ci riesce.

Con Maui si instaura un legame di amicizia vera. E a mio avviso il personaggio di Maui, sicuramente minore rispetto a Vaiana, è comunque significativo: ha smesso di lottare per cercare il suo amo e vive solo su un’isola. Ha una storia personale triste (è stato abbandonato dai genitori, come narrano i suoi tatuaggi). Ha bisogno di recuperare la fiducia in se stesso e, grazie a Vaiana, parte, anche per rimediare agli errori commessi.

Il legame di Vaiana con la nonna è qualcosa di delicato, raro, magico, unico e prezioso, proprio come spesso le nostre bambine hanno con le nonne: molto più di una storia d’amore con un banale principe, come le classiche principesse di una volta.

La storia d’amore di Oceania è quella di Vaiana con il mare, con la sua nonna, con il suo popolo.

In Oceania c’è tanta avventura: Sissi si è emozionata e (l’avete vista a caldo nei suoi commenti su Snapchat e Ig Stories) è rimasta affascinata dalla navigazione. Ha chiesto perchè Vaiana ha disubbidito ai genitori e si è avventurata in mare senza permesso. Effettivamente… Io le ho risposto che Vaiana è grande e che, qualche volta, i genitori sbagliano e che grazie a lei il suo popolo si è salvato. A volte l’età ci fa più remissivi e rinunciatari, mentre la tenacia e l’esuberanza – peraltro tipiche dell’adolescenza – rappresentano il motus che porta, con coraggio, a risolvere i problemi.

La musica: ricordate che i film d’animazione sono rivolti a un pubblico di bambini, che con la musica comunica molto più di quanto non facciamo noi adulti. C’è tanta musica, cantata e non, e tutti i bambini in sala hanno apprezzato questo aspetto. Avete visto il ballo di Sissi in diretta sui titoli di coda?

Sissi è rimasta colpita anche dall’ambientazione, ricca di dettagli e perfetta grazie ad una accurata grafica: l’animazione digitale ci ha davvero immerso nella Polinesia. A tratti sembra quasi di poter toccare il mare cristallino o una delle 60 specie vegetali rappresentate. I colori vividi di mare, cielo e vegetazione colpiscono davvero tutti i sensi.

E voi, siete pronti a vedere Oceania? Io sto pensando di fare una piccola sorpresa a Sissi per la Befana e di aggiungere un personaggio scelto dall’ampia scelta dei Disney Store… indovinate quale?

Paola Agostini (sissi_mum)

Founder, director and editor in chief at SissiWorld

Photographer

https://www.sissiworld.net/aboutme/

You May Also Like

Marchi sostenibili per bambini: Marie Puce

Alla scoperta della terra del Salice Salentino DOC

Occhiali da sole per bambini? Sì, ma con stile

Colomba per Pasqua? Sì, ma firmata Gucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.