Mini Rodini: fenomenologia di un amore… a prima vista!

DO YOU SPEAK ENGLISH? Click HERE for English text!

Today I want to tell you why I chose to give up a kind of clothing to move to other brands.

Love, when it’s visceral, really would not even be explained because I believe it explains by itself. However I want to explain to my “old” readers (and even more to my new ones) why I changed my mind about some brands and why I love so much Mini Rodini.

My passion for design and Nordic mood is not new, it’s always been in me since my first trips when youngster… and for Nordic I mean broadly Nordic, also including UK, Netherlands, not only Scandinavia.

But Sissi, at least in principle, dressed only with luxury brands. I do not want to make a boast, quite a mea culpa: the euphoria of being a mother dressing her beloved daughter and thinking to buy the best. Then I began to investigate various brands and I discovered various campaigns on toxic fashion.

Then I began to put into question: beyond the garments treated with chemicals (not only luxury, but also low-cost ones, but at least in this case, the price reflects the – poor – quality) how much of what my daughter was wearing was born for her and how much for me? The logo (Burberry, Dior, Gucci, Armani, Moncler, …) served to her or to me to show that I was buying the most beautiful garments (because in our eyes, let’s face it, they are really beautiful) or more expensive to my beloved little girl? Really, for me (I swear I swear I swear) it was not so much for the status symbol, as indeed for the search of the best quality.

Then I realized. That our children are victims of the industry created around the baby, just because we – the children of the ’80s (I was born in 1976) – are definitely victims of the logo, and then every big name in fashion industry creates its junior or baby line: just a zoom by adult garments and force a little one in a polo shirt with a logo. I recently attended a master in fashion and luxury and I realized even more how the beautiful creations of designers – haute couture – are supported by the pret-a-porter lines or casual or on concessions for beauty.

After understanding, I decided to change. We are not obsessed with organic, but certainly I prefer it, and we are divided equally between a casual mood, a rock style and a more feminine one, looking for good manufacturing, avoiding as much as possible made in China and avoiding also stereotypes in gender or color. Every now and again we fall into the abyss-Zara-Kids … but that’s normal, I believe, giving in occasionally to a compulsive buying dictated only by a quirk.

One day, by chance, in the web, I meet Mini Rodini.

The first time you look at the prints of Mini Rodini – let’s face it, italian mums – you do not know if you love or hate them. And if you are an italian dad, I am almost 100% certain that you will hate it. Pets, strange eyes, faces even more strange, often colors little used on childrenswear…

I’ll tell you briefly the story of the brand.

The first collection of Mini Rodini was launched in selected shops in Stockholm in 2006 and was quickly sold out! It all happened very quickly, and what began with tons of stacked boxes in the apartment of Cassandra Rhodin (the designer and founder) in Stockholm, soon became an independent shop one block away. Mini Rodini quickly became the beloved brand of the press both in Sweden and internationally for its unique interpretation of children’s clothing. Today, Mini Rodini is one of the brands for children in more rapid growth in Scandinavia. It is sold in some of the most prestigious department stores and independent shops around the world, such as Harvey Nichols in Kuwait, Selfridges in London, Barneys in New York, to name a few, in addition to the three flagship stores in Stockholm and at the online store.

Mini Rodini has to be seen through the eyes of our children. Only then you will understand it. And then you will love it.

The vision of Mini Rodini is just this: while the fun and playful aesthetic talks directly to children, the product quality is especially important for us as parents, as we can finally buy the best products for our children not only with regard to the design , but also regarding to environmental and ethical aspects of production. A garment from Mini Rodini is not only fun to wear or to look at, but it is also produced respecting the environment and people often do not think about it, but as parents we should think that buying eco, green or organic helps us to build a healthier environment for our children, or at least not to damage the one in which we currently live.

Living in a small provincial town of just 50.000 people, Sissi is probably one of the few children to wear Mini Rodini (apart from some moms who buy from my e-shop). I assure you that the joyful prints always meet the taste of my child, but not only: often when wearing Mini Rodini other children stop to comment, look or touch “the animals on her clothes.” Another feature of the Mini Rodini’s garments, reflecting the excellent quality of the materials, is durability: wash, iron, stain, clean, rub them… and they are still like new.

You can find various posts about collections and outfits with Mini Rodini here and, if you like, you can take a look at the selection that I chose for my The Little Emporium.

Oggi voglio raccontarvi perchè ho scelto di abbandonare un genere di abbigliamento per spostarmi verso altri brand.

L’amore, quando è viscerale, in realtà non andrebbe nemmeno spiegato perchè a mio avviso è esso stesso prova di se stesso.

Tuttavia voglio spiegare a chi mi legge da tanto (e ancor di più a chi lo fa da poco) perchè ho cambiato idea su alcuni marchi e perchè amo così tanto Mini Rodini.

4320_e07e19a896-4x9c2283-s_standard
La mia passione per il design e per il concept nordico non è nuova, è sempre stata in me, fin dai primi viaggi da giovincella… per nordico intendo nordico in senso lato, comprendendo anche UK, Paesi Bassi, non solo la Scandinavia.

Ma Sissi, almeno in un principio, ha vestito solo con capi di lusso. Non me ne voglio fare un vanto, piuttosto un mea culpa: una mamma presa dall’euforia di avere la sua bimba da vestire ed illusa di comprare il meglio. Poi ho cominciato ad informarmi sui vari marchi che compravo e la goccia che ha fatto traboccare il vaso sono state le varie campagne sul toxic fashion.

Allora ho cominciato a mettermi in discussione: al di là dei capi trattati con prodotti chimici (non solo quelli di lusso, ma anche i vari capi low-cost, ma almeno in quest’ultimo caso il prezzo riflette la – scadente – qualità), quanto di quello che indossava mia figlia era nato per lei e quanto per me? Il logo (Burberry, Dior, Gucci, Armani, Moncler, …) serviva a lei o a me per presumere che stavo comprando i capi più belli (perchè ai nostri occhi, ammettiamolo, sono davvero belli) o più cari per la mia adorata pargola? In realtà, per quanto mi riguarda (giuro giuro giuro) non era tanto per lo status symbol, quanto davvero per la ricerca della migliore qualità.

Poi ho capito. Che i nostri bimbi sono vittime dell’industria nata attorno al baby, proprio perchè noi, figli della generazione anni ’80 (io sono nata nel 1976), siamo assolutamente vittime del marchio ed allora ogni grande nome della moda crea la sua linea junior o baby: basta zoomare i capi da adulto e costringere i piccoli in una polo con un logo. Ho recentemente partecipato ad un master in fashion and luxury nella moda ed ho capito ancora di più quanto le splendide creazioni degli stilisti – le haute couture – si reggono sul pret-a-porter o sulle linee casual o sulle concessioni beauty.

Dopo aver capito, ho deciso di cambiare rotta. Non siamo ossessionate dal bio, ma certamente lo preferiamo, così come ci dividiamo equamente tra un gusto casual, uno più rock ed uno più femminile, cercando la manifattura a regola d’arte, evitando il più possibile il made in China e l’uniformarsi agli stereotipi di genere o colore. Ogni tanto cadiamo ancora nel baratro-Zara-Kids… ma è normale, credo, cedere ogni tanto ad un acquisto compulsivo dettato solo da un vezzo.

Un giorno, casualmente, navigando nel web, incontro Mini Rodini.

La prima volta che guardi le stampe di Mini Rodini, ammettiamolo mamme italiane, non sai se le ami o se le odi. Poi se le vede un papà – italiano -, sono certa quasi al 100% che le odierà. Animali desueti, occhi strani, facce ancor più strane, colori spesso sgargianti o poco soliti nell’abbigliamento per bambini…

Vi racconto brevemente la storia del marchio.

La prima collezione Mini Rodini venne lanciata in alcuni negozi selezionati di Stoccolma nel 2006 e fu subito sold out! Tutto accadde molto rapidamente e ciò che cominciò con tonnellate di scatole impilate nell’appartamento di Cassandra Rhodin (la designer e fondatrice) a Stoccolma, in poco tempo divenne un negozio indipendente ad un solo isolato di distanza. Mini Rodini divenne presto il beniamino della stampa sia in Svezia sia a livello internazionale per la sua interpretazione unica dell’abbigliamento per bambini.  Oggi, Mini Rodini è uno dei marchi per bambini più in rapida crescita in Scandinavia. Viene venduto in alcuni dei più prestigiosi grandi magazzini e negozi indipendenti in tutto il mondo, come Harvey Nichols in Kuwait, Selfridges a Londra, Barneys a New York, per citarne alcuni, oltre ai tre flagship stores a Stoccolma ed al negozio online.

 

Mini Rodini va visto con gli occhi dei nostri bambini. Solo così lo comprenderete. E allora lo amerete.

La visione di Mini Rodini è proprio questa: mentre l’estetica ludica e divertente parla direttamente ai bambini, la qualità dei prodotti è importante soprattutto per noi genitori, che finalmente possiamo acquistare i prodotti migliori per i nostri figli non solo per quanto riguarda il design, ma anche per quanto riguarda gli aspetti ambientali ed etici della produzione. Un capo Mini Rodini non è solo divertente da indossare o semplicemente guardare, ma viene prodotto anche rispettando l’ambiente e le persone: spesso non ci pensiamo, ma come genitori dovremmo pensare che acquistare eco, green, bio o organic ci aiuta a costruire un ambiente più salutare per i nostri figli o, quantomeno, a non rovinare quello in cui attualmente viviamo.

Abitando in una piccola città di provincia, di appena 50mila persone, Sissi è probabilmente una dei pochi bimbi ad indossare Mini Rodini (a parte qualche mamma che acquista dal mio eshop). Vi assicuro che le stampe gioiose incontrano sempre il gusto della mia bimba, ma non solo: spesso quando indossa Mini Rodini altri bimbi si soffermano a commentare, a guardare o toccare “gli animali sui suoi vestiti”. Altra caratteristica dei capi Mini Rodini, che riflettono l’ottima qualità dei materiali, è la durabilità: lavateli, stirateli, macchiateli, smacchiateli, strofinateli… e sono ancora come nuovi.

Potete trovare vari post precedenti su collezioni ed outfit con Mini Rodini qui e, se vi va, potete dare un’occhiata alla selezione che ho scelto per il mio The Little Emporium.

2 commenti su “Mini Rodini: fenomenologia di un amore… a prima vista!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *