LifestyleSvizzeraTravel

My Lausanne: Un weekend a Losanna. Cosa vedere e cosa fare a Losanna in 36 ore

Losanna è una città che ti colpisce subito: ti aspetti una Svizzera seria e austera, matura. E invece trovi una Svizzera vacanziera, festosa, allegra, giovane.

Sapevi che il 36,4% (Fonte: dati statistici ufficiali del 2015) della popolazione di Losanna appartiene alla fascia 20-39 anni?! Inoltre Losanna è una città universitaria che conta 7 facoltà universitarie. Il risultato? Losanna è giovane, cordiale e gioviale.
Una visita di Losanna in un weekend lungo (almeno 36 ore, venerdì-sabato-domenica o un ponte) è possibile agevolmente senza correre troppo e godendo davvero della splendida città adagiata sul Lago di Ginevra (o Lemano).

Ecco i luoghi che ci hanno colpito e che non si possono assolutamente perdere!

Losanna medievale: La Cité

Losanna è una città che si sviluppa su più livelli. Da sempre meta di pellegrinaggi (dato che è una delle tappe del Cammino di Santiago), immagina per un attimo l’impatto che doveva avere nel XII secolo la maestosa Cattedrale quando il pellegrino stanchissimo risaliva l’ultima valle per arrivare al luogo di culto! Allora non era ancora stato costruito il ponte di Bessières (1910) che oggi collega in tutta comodità l’uscita della Metro (fermata Metro M2 Fermata Bessières) alla Cattedrale: passeggia su questo ponte e soffermati a godere la bella vista della città.
La Cattedrale de Notre Dame, costruita tra il XII e XIII secolo, è una chiesa gotica a croce latina con 3 navate. Rimaneggiata nel corso dei secoli, nel XV secolo fu aggiunta l’entrata Ovest e divenne una chiesa protestante (i Bernesi entrarono in città nel 1536 e convertirono gran parte delle chiese da cattoliche a protestanti). Già dal primo sguardo esterno, l’occhio del visitatore si poggia sulla porta sud, chiusa e ingabbiata in una scatola di vetro e acciaio… entrando (l’ingresso è gratuito) ne scoprirà il perché!

 

 

 

 

Oggi si entra ad Ovest attraversando il Grande Portale, bianchissimo perchè recentemente restaurato.

 

 

All’interno la luce filtra attraverso le vetrate colorate delle finestre, ma in generale la Cattedrale non è molto ricca di decorazioni proprio per dettame della chiesa calvinista.

 

 

Finalmente si può vedere la Porta Sud, originario ingresso medievale della chiesa, chiuso per tutelarne la stabilità ed inglobato in un moderno progetto attraverso vetro e acciaio per preservarne la bellezza: il portale è decorato con statue che rappresentano le storie della Vergine Maria e si percepisce la bellezza di quello che fu l’ingresso principale dai colori sbiaditi.

 

 

 

Anche il Rosone risale al XIII secolo e, dei 105 elementi che lo compongono, ben 78 sono originari: la decorazione è una imago mundi, con le stagioni, i mesi dell’anno, i segni zodiacali.
Da ultimo, il grande organo che risale al 2003 su progetto dell’italiano Giorgetto Giugiaro.
Una curiosità: tutte le notti dalle 22 alle 2 un guet (sentinella notturna) annuncia le ore. Una tradizione centenaria che continua fino ad oggi e che originariamente aveva il fine di sorvegliare che non ci fossero incendi o pericoli.
Dietro la Cattedrale, degno di nota l’Ancienne Académie (1579-1587), un importante complesso scolastico protestante dell’elite europea del tempo, che dal 1987 ospita il ginnasio della Cité.

Dalla Cattedrale, si raggiunge il centro città nella sua piazza principale attraverso la Escaliers du Marché (Scalinata del Mercato): un collegamento di 174 gradini coperti da una struttura in legno, nell’ultima parte è fiancheggiata da pittoreschi negozi e caffè. (Clicca sulle foto per ingrandire!)

Losanna: il centro città, tra antico e moderno

Dalla scalinata del mercato si arriva in Place de la Palud (ricavata nel IX secolo dalla bonifica di una zona paludosa, da cui il nome), che nei giorni di mercoledì e sabato ospita un vivace mercato. Al centro della piazza troneggia la statua colorata della Giustizia, su una fontana, e sotto la quale i turisti attendono ogni giorno lo scoccare dell’ora per ammirare il balletto dell’orologio.

La piazza ospita anche il Municipio (Hotel de Ville) e percorrendo le strade pedonali pieni di negozi si attraversa la bella Place de la Louve e si arriva sotto al primo grattacielo della Svizzera, il Bel Air (1931). La vista offre un panorama della città a 360° e si affaccia sul moderno e super-trendy quartiere del Flon, originariamente luogo di stabilimenti industriali (XIX secolo), che oggi è il luogo più vivace di Losanna, con tanti ristoranti, bar, club, boutiques e spazi espositivi. Si può raggiungere il Flon direttamente con la Metro M2 Fermata Flon.

Ultima tappa, Place de la Riponne dove si trova il Palais de Rumine, in stile rinascimentale ma costruito nel XIX secolo, che ospita diversi musei di arte e scienze e una importante biblioteca.

Losanna: il Lago Lemano e Ouchy

Che si voglia passeggiare in totale relax o che si desideri praticare sport godendo del lago, la risposta è solo una: Ouchy (Metro M2 Fermata Ouchy).
All’uscita dalla Metro, Place de la Navigation presenta al viaggiatore il porto turistico di Ouchy in tutta la sua bellezza.
I lungolago, a est verso Lutry o a ovest verso St. Sulpice, sono verdi, fioriti, alberati e nei botteghini vicini allo Chateau d’Ouchy si possono noleggiare pedalò e kayak. Si possono praticare moltissimi sport, tra cui vela, windsurf e nuoto: basta rivolgersi all’ufficio del turismo Lausanne Tourisme proprio a due passi dall’uscita della metropolitana.
 

 

 

 

 

 

 

Una escursione in battello Belle Epoque e i vigneti del Lavaux 

Vivere Losanna significa anche navigare il Lago Lemano! Una buona opzione per fare anche una piccola gita fuoriporta e visitare i famosissimi vigneti del Lavaux, patrimonio dell’UNESCO, è salire a bordo di uno dei battelli Belle Epoque e raggiungere Cully: la vista sul lago, su Losanna, sul versante francese del lago, le montagne in lontananza e poi la vista delle colline degradanti coltivate a vigneto fino a perdere lo sguardo… è indescrivibile!

Una volta arrivati a Cully, un modo semplice e divertente per godere dei panorami, del verde dei vigneti e del blu del mare è sicuramente il trenino Lavaux Express. Dal molo di Cully (Place d’Armes 16, 1096 Cully), in un tragitto di circa 1 ora e 15 minuti, sale per le colline terrazzate in mezzo a infiniti vigneti attraversando Riez, Epesses e Dézaley per tornare infine a Cully.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Losanna: il Museo Olimpico

Losanna è legata a doppio filo alle Olimpiadi. Non puoi visitare Losanna senza visitare il Museo Olimpico: che tu sia una persona che pratica lo sport, che lo ama senza praticarlo o che magari neanche lo segue assiduamente… questo museo vale comunque la pena!

Losanna è sede dal 1994 del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) e di numerose federazioni sportive: il Museo Olimpico è probabilmente il più ricco della città, importante e imperdibile anche per i bambini, soprattutto per il profondo significato umano che hanno le Olimpiadi.
Il Museo Olimpico si raggiunge facilmente a piedi dal porto di Ouchy (Metro M2 Fermata Ouchy) percorrendo il lungolago su Quai de Belgique. Dopo la ristrutturazione, ha riaperto nel 2014 e vanta splendide viste su Losanna e sul lago: sia dai giardini terrazzati all’italiana, disseminati di sculture, che dalla terrazza panoramica. All’interno al piano seminterrato un viaggio interattivo porta il visitatore all’interno di un villaggio olimpico, mentre al piano terreno si mostra come i giochi olimpici si sono evoluti nel tempo. Mostre temporanee si avvicendano nel corso dell’anno.
(Per ingrandire, clicca sulle foto!)

Come raggiungere e come muoversi a Losanna

Losanna non ha un aeroporto proprio ma è comodamente e facilmente raggiungibile dall’aeroporto internazionale di Ginevra, ben collegato con tantissimi voli all’Italia sia da compagnie classiche che da low-cost (tra cui Easyjet).
Per raggiungere Losanna da Ginevra, il metodo più comodo, puntuale e rapido è sicuramente il treno: una soluzione comoda è lo Swiss Travel Pass, che consente di usufruire di tutto lo Swiss Travel System, cioè l’intera rete dei trasporti svizzeri, lunga quasi 29.000 chilometri. Sulla rete di trasporti più fitta del mondo, con lo Swiss Travel Pass potete utilizzare liberamente treni, navi e bus per 3, 4, 8 o 15 giorni.
 

 

 

Per muoversi dentro Losanna, dimenticate i taxi (troppo cari!) e dimenticate a casa i passeggini: a Losanna c’è un solo modo per muoversi, comodo, sicuro, puntuale. Si può (secondo me si deve!) usare la Metro.
La rete della Metro serve efficientemente tutti i punti salienti della città e, credimi, è un bene dato che la città è piena di salite! Usando la Metro (mai troppo affollata o poco pulita) si raggiungono facilmente la città antica o il porto.
Il mio consiglio è di utilizzare la Lausanne Transport Card (inclusa gratuitamente per chi alloggia in un hotel a Losanna) e usufruire tranquillamente della rete di trasporto pubblico, che oltre alla Metro comprende anche bus e treni suburbani e regionali (ad esempio fino a Cully potete prendere anche il treno e in 12 minuti sarete nel Lavaux!)

Dove e cosa mangiare a Losanna

Dal punto di vista enogastronomico le specialità locali da provare a Losanna sono sicuramente la fonduta (Gruyère e la sua regione non sono poi così lontane), il pesce persico e le cozze, oltre alla carne, spesso realizzata in tartare, roastbeef o bistecca.
Per quanto riguarda i vini, vale davvero la pena scegliere vini locali: in particolare i vini del Lavaux, bianchi.
Per i bambini troverete sempre menù speciali o, in alternativa, potete chiedere gli stessi piatti per gli adulti in dimensione (e prezzo) ridotti.

Cafè de Grancy

Avenue du Rond-Point 1 – Metro M2 Fermata Grancy
Un caffè con un menù giovane e moderno, molto interessante anche per i bambini. Deliziosa la terrazza esterna da cui godere un bel tramonto, potete optare anche per l’interno, in legno e con un salottino ricco di libri, riviste e giochi da tavolo per bambini.
Prezzo medio del pasto 40 CHF 
https://www.cafedegrancy.ch/

Cafè du Grütli

Rue de la Mercerie 4 – Metro M2 Fermata Riponne
Se cercate un ristorante tipico, l’avete trovato! Fondato nel 1849 e a due passi dalla Place de la Palud, giusto alla fine della Scalinata del Mercato. Tipico all’interno, consiglio comunque di chiedere un tavolo nel dehors perchè la vista è splendida!
Prezzo medio del pasto 40 CHF 
http://www.cafedugruetli.ch/

Restaurant-Brasserie Le Pirate

Place de la Navigation 4 – Metro M2 Fermata Ouchy
Il Ristorante Brasserie Le Pirate vale già solamente per la vista che godrete dalla sua terrazza soleggiata e panoramica, nota per affacciarsi sul Lago di Ginevra. L’ambiente è accogliente e piacevole, la specialità sono le pietanze a base di pesce, ma non mancano i piatti a base di carne ed il menù per bambini con tanto di tovaglietta e colori per intrattenere i più piccoli nell’attesa (a dirla tutta un po’ lunga).
Prezzo medio del pasto 45 CHF 
http://www.aulac.ch/restaurant-le-pirate-lausanne-fr84.html

Dove alloggiare a Losanna

Nel nostro weekend lungo a Losanna abbiamo alloggiato all’Hotel Aulac: una posizione perfetta soprattutto se avete bambini (ma anche se siete un po’ pigri)!
Tutto a portata di mano: il porto e il lungolago (è una vista favolosa dalle stanze), l’ufficio di Lausanne Tourisme, la Metro con la quale in meno di 5 fermate raggiungete tutti i punti più importanti della città.
Non solo: una colazione ottima, il ristorante Le Pirate e le stanze ampie rappresentano i comfort che tutti vogliamo in vacanza.
(Clicca per ingrandire le foto!)
Sul lungolago in direzione del Museo Olimpico trovate tantissimi altri hotel, per info e prezzi consultate il sito di Lausanne Tourisme.

Per info su Losanna

Lausanne Tourisme & Convention Bureau
Av. de Rhodanie 2 – P.O. Box 975 – 1001 Lausanne
Tel. +41 (0)21 613 73 21
[email protected]
www.lausanne-tourisme.ch
Summary
My Lausanne: Un weekend a Losanna. Cosa vedere e cosa fare a Losanna in 36 ore
Article Name
My Lausanne: Un weekend a Losanna. Cosa vedere e cosa fare a Losanna in 36 ore
Description
My Lausanne: Un weekend a Losanna. Cosa vedere e cosa fare a Losanna in 36 ore
Author
Publisher Name
SissiWorld
Publisher Logo

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *