Riflessioni

Quando nasce una royal baby

E’ nata la Royal Baby 2 e appena usciti dall’ospedale le foto hanno subito fatto il giro del mondo.

royal baby2a

Da mamma, mi immedesimo in Kate, percepisco la sua felicità, leggo nel suo sorriso vero e spontaneo. Mi chiedo onestamente come faccia a stare in piedi dopo appena 12 ore dal parto, bella e raggiante, con i capelli luminosi, pettinati, morbidi e che profumano di pulito (non li ho annusati, ma ne sono certa), in quel meraviglioso abito di Jenny Packham.

Non fa parte della nostra cultura l’etichetta della Monarchia… quando ho vissuto in Spagna le notizie a sangue blu erano sempre presenti in notiziari e periodici, oltre che nelle riviste di gossip, e ad essere onesti la “realeza” fa nascere in noi repubblicani quasi un senso di ammirazione. Non sappiamo cosa sia avere un re o una regina, ma la nascita di una piccola bimba, di una principessa, smuove qualcosa in noi.

E’ nata una principessa. La sua vita regale sarà piena di opportunità, grandi opportunità: non economiche, parlo di opportunità per cambiare il mondo, una donna (sebbene quarta in linea di eredi al trono) che potrà seguire le orme della nonna Diana. Auguro a XYZ (perchè mentre scrivo ancora è in ballo il toto-nome) di avere una vita piena di impegno sociale e di lotta per i diritti delle donne, spero che la rigidità delle regole monarchiche non sia troppo dura per questa principessa 2.0, mediatica e virale già dal giorno della sua nascita.

Cari Kate e Will, a me piacerebbe tanto il nome Victoria, come la grandissima Queen Victoria, la cui statua guarda un po’ burbera tutti i giorni Buckingham Palace. Auguro a XYZ che diventi una grande donna, proprio come le donne che hanno governato il vostro Paese.

Ma questo, ce lo dirà la storia. Intanto, benvenuta Royal Baby!

kate will royalbaby