For KidsKids fashionRiflessioni

TOXIC FASHION: A Little Story about a Fashionable Lie

DO YOU SPEAK ENGLISH? Click HERE for English text!

How sad, what a disappointment, how guilty I feel!

Last January we had discovered “Little monsters in the closet” a report by Greenpeace Asia where clothes from of 12 well-known brands have been tested: Adidas, American Apparel , Burberry, C & A , Disney, GAP , H & M, LI- Ning , Nike, Primark , Puma, Uni-qlo. All the brands tested have at least one product in which hazardous chemicals were detected, about this I will not comment much because you can just download the report (here) and draw conclusions.

A few days ago the result of a new survey was published by Greenpeace International “A Little Story about a Fashionable Lie” that has found a wide range of hazardous chemicals in clothing and footwear for children produced by eight brands of luxury fashion: Dior, D & G, Giorgio Armani, Hermes, Louis Vuitton, Marc Jacobs, Trussardi, Versace. Along with the report, available for download here, was launched the campaign #thekingisnaked in which ambassador of the organization in the fight against toxic fashion is the Russian model Eugenia Volodina , who took part in the shooting by photographer Andrea Massari based on Andersen’s fairy tale “The Emperor’s New Clothes”.

The tale reads:

“Once upon a time, in a kingdom-not-so-far-away, there lived a little King. His mother wanted only the very best for her darling son, and brought him the most luxurious garments made by the finest merchants in all the kingdom. But no matter how expensive the fabrics, nothing was fit for this King. For he could see something his mother could not. “These merchants are trying to deceive us! Their clothes are full of nasty chemicals and I’m not going to wear them ever again!”

The campaign “Little Monsters” has achieved the goal for which many brands, including Burberry also (here the commitment), are committed to the reduction of chemicals.

But what are these substances?

PFOA, phthalates and nonylphenol ethoxylates are endocrine disruptors, substances that, when released into the environment, may have potentially harmful effects on the reproductive, hormonal or immune system or be carcinogenic, while the antimony is a poison similar to arsenic, which as antimony trioxide is used as a catalyst in the textile industry and can cause dermatitis , irritation of the respiratory tract and immune system disorders .

My reaction as a mom is disconcerting: since Sissi was born I bought many clothes from these luxury brands, many from Burberry, many from Armani , Dior, D&G (some are still in the closet to wear, brand new!). I’ve spent money (sometimes too much ) thinking of buying not only a “beautiful” brand but also and above all quality, a good cotton, soft and fresh. Just like in the fairy tale… maybe sometimes even giving up something for me… to know this facts, disappoints. Infinitely. My purpose is therefore to buy from now always brands that are organic, sustainable, with cotton oeko tex… already I’m changing a bit my fashion-horizons and thanks to this blog I would like to make known to you my “discoveries” !

It reminds me of the same thoughs that I had long ago on the beauty when I opened my eyes and began to read the INCI and I realized that the anti-wrinkle face creams and lifting serums from these luxury brands (coincidentally the same of childrenswear) I bought spending a fortune are actually “empty creams” without active agents, full of silicones and parabens, creams that give the illusion of having a skin tighter and capture you with their delicious perfume but do not contain (or if they do, only a very low percentage) really active anti-aging. Conclusion: I found some good brand with a good INCI, my skin is (almost) perfect and I’m saving even a little! For INCI I use an App for Iphone / Ipad called Cosmetifique .

What do you think?

Che tristezza, che delusione, che senso di colpa! 

Già nel mese di gennaio avevamo scoperto “Piccolo mostri nell’armadio”, un rapporto di Greenpeace Asia in cui sono stati testati capi di abbigliamento da bambino di 12 noti marchi: Adidas, American Apparel, Burberry, C&A, Disney, GAP, H&M, LI-Ning, Nike, Primark, Puma, Uni-qlo. Tutti i marchi testati hanno almeno un prodotto nel quale sono state rilevate sostanze chimiche pericolose, non voglio commentare quali più o meno perchè basta scaricare il report (qui) e tirare le somme. 

Da qualche giorno è stata pubblicato il risultato della nuova indagine di Greenpeace International “A Little Story about a Fashionable Lie”

…che ha trovato una vasta gamma di sostanze chimiche pericolose in abbigliamento e calzature per bambini prodotte da otto marchi della moda di lusso: Dior, D&G, Giorgio Armani, Hermes, Louis Vuitton, Marc Jacobs, Trussardi, Versace. Insieme al report, scaricabile qui, è stata lanciata la campagna #thekingisnaked in cui ambasciatrice dell’organizzazione nella lotta al toxic fashion è la modella russa Eugenia Volodina, che ha preso parte allo shooting del fotografo Andrea Massari basato sulla fiaba di Andersen “I vestiti nuovi dell’imperatore”.

Greenpeace-The-Naked-King-Demand-toxic-free-fashion-2

La fiaba recita:

C’era una volta, in un regno non molto lontano, un piccolo re. Sua madre voleva solo il meglio per il suo caro figliolo, e gli diede i capi più lussuosi realizzati dai migliori commercianti in tutto il regno. Ma non importa quanto costosi fossero i tessuti, niente era adatto per questo re. Perchè egli poteva vedere qualcosa che sua madre non poteva. “Questi commercianti stanno cercando di ingannarci! I loro vestiti sono pieni di sostanze chimiche sgradevoli e non ho intenzione di indossarli mai più! 

Greenpeace-The-Naked-King-Demand-toxic-free-fashion-1

La campagna “Piccoli Mostri” ha raggiunto l’obiettivo per cui molti brand, inclusa anche Burberry (qui il comunicato), si sono impegnate nella riduzione delle sostanze chimiche.

Ma cosa sono queste sostanze?

PFOA, ftalati e nonilfenoli etossilati sono interferenti endocrini, sostanze che, una volta rilasciate nell’ambiente, possono avere potenzialmente effetti dannosi sul sistema riproduttivo, ormonale o immunitario o essere cancerogeni, mentre l’antimonio è un veleno simile all’arsenico, che come triossido di antimonio è usato come catalizzatore nell’industria tessile e può causare dermatiti, irritazioni delle vie respiratorio e alterazioni del sistema immunitario.

La mia reazione come mamma è di sconcerto: per Sissi da quando è nata ho acquistato davvero molti capi di brand di lusso, molti Burberry, vari Armani, Dior, D&G (alcuni sono ancora nell’armadio da indossare, nuovi nuovi!)… ho speso soldi (a volte anche troppi) pensando di comprare non solo un marchio “bello” ma anche e soprattutto di qualità, un cotone buono, morbido, fresco. Proprio come nella fiaba… magari a volte rinunciando anche a un capo per me… delude sapere questo. Infinitamente. Il mio proposito è quindi quello di comprare d’ora in poi brand sempre più biologici, sostenibili, cotoni GOTS o oeko tex… già sto cambiando da un po’ i miei fashion-orizzonti e grazie a questo blog vorrei fare conoscere anche a voi le mie “scoperte”!

Mi ricorda lo stesso discorso che ho fatto tempo fa sul beauty quando ho aperto gli occhi e cominciato a leggere gli INCI ed ho realizzato che le creme per il viso antirughe, i sieri liftanti dei brand di lusso che compravo spendendo un patrimonio sono in realtà creme “vuote” di principi attivi, piene di siliconi e di parabeni, creme che danno l’illusione di avere una pelle più tesa e ti catturano con i loro profumi buonissimi ma che non contengono (o se lo fanno, solo in bassissima percentuale) principi attivi davvero anti-età. Conclusione: ho trovato dei brand buoni con un INCI buono, la mia pelle è (quasi) perfetta e risparmio anche un po’! Per gli INCI uso una App per Iphone/Ipad che si chiama Cosmetifique.

E voi cosa ne pensate?

Summary
TOXIC FASHION: A Little Story about a Fashionable Lie
Article Name
TOXIC FASHION: A Little Story about a Fashionable Lie
Description
TOXIC FASHION: A Little Story about a Fashionable Lie
Author
Publisher Name
SissiWorld
Publisher Logo

8 comments

  1. macomelovesto

    Per Marco non ho mai acquistato brand di lusso. Non penso che questi brand progettino e strutturino dei capi fatti per dei bambini, li vedo come delle piccole imitazioni di capi d’adulto. Così come le si trova nel cibo, nei cosmetici e in chissà quanti altri prodotti, non mi stupisce il fatto che anche nell’abbigliamento abbiano trovato sostanze tossiche. Per realizzare capi per bambini ci vuole passione, ricerca, e capire sopratutto le loro esigenze che sono ben diverse da quelle di noi adulti.
    Speriamo solo che tutto questo si risolva e che ci siano leggi più severe, sopratutto per quanto riguarda i prodotti dedicati ai bimbi, e pesanti sanzioni.
    Bell’articolo! 😉

    1. paolago

      Grazie! Hai proprio ragione! Io (sbagliando) ho comprato tante cose, sperando che spendere un po’ di più fosse quasi una “garanzia” di qualità…effettivamente ho cominciato a capire che chi ha RISPETTO per i bambini usa cotone organico, oeko tex, ecc… tutto il resto è (purtroppo) logica di mercato! Le cose che ormai ho nell’armadio, comprate in saldo e comunque care, nuove per la primavera, non le butto via! Invece questo non fa che confermare che i miei acquisti in saldo di questo mese sono stati tutti azzeccati (presto post)! Un bacio e un saluto a te e Marco!

  2. Kids fashion: underwear | Womoms

    […] terminare, in relazione all’argomento del cotone biologico e degli indumenti ecosostenibili, voglio segnalarvi un articolo di qualche tempo fa, su SissiWorld, che riguarda il tema “scotta…. E’ un argomento molto serio e dibattuto: noi mamme a volte spendiamo tanto, anche magari […]

  3. PALE PINK AND MOUNTAINS | Sissi World

    […] più cari sperando di vestire mia figlia con qualcosa qualitativamente migliore: avete letto del toxic fashion? Ho cambiato rotta. Sto cambiando rotta: il bio è per me una priorità, in sua mancanza scelgo […]

  4. Un outfit fiorito con qualche chiarimento | Sissi World

    […] quotidianamente Sissi per i suoi primi 2 anni: un po’ è merito del blog, un po’ di questo articolo qui, un po’ del mio eshop (è ovvio che compri cose anche per Sissi, no?). Il mea culpa è sui […]

  5. Non chiamatela Birkin | Sissi World

    […] un equilibrio? Nel nostro piccolo ci proviamo: abbiamo abbandonato il toxic fashion (vi ricordate questo articolo?), cerco di acquistare bio più possibile (dal cibo ai cosmetici, passando per […]

  6. Mini Rodini: fenomenologia di un amore... a prima vista! | Sissi World

    […] Ma Sissi, almeno in un principio, ha vestito solo con capi di lusso. Non me ne voglio fare un vanto, piuttosto un mea culpa: una mamma presa dall’euforia di avere la sua bimba da vestire ed illusa di comprare il meglio. Poi ho cominciato ad informarmi sui vari marchi che compravo e la goccia che ha fatto traboccare il vaso sono state le varie campagne sul toxic fashion. […]

  7. Mini Rodini SS16: Fantasia | Sissi World

    […] come genitori, siate tranquilli: non c’è toxic fashion (il cotone è tutto bio certificato GOTS), c’è rispetto per l’ambiente (anche gli […]

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *