Vacanze sicure in auto con i bambini

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti lo ha sottolineato qualche mese fa con la campagna di comunicazione “La tua attenzione diventa legge”.

In vista delle imminenti vacanze estive, Assogiocattoli, l’Associazione nazionale che tramite la Divisione Prima Infanzia rappresenta anche i principali produttori e distributori di sistemi di ritenuta, lo ribadisce e lo ricorda. L’obiettivo è porre l’attenzione sul tema ed estenderlo su ogni possibile aspetto che riguarda la sicurezza dei minori in viaggio, soprattutto nelle prossime settimane di vacanze e spostamenti più frequenti e lunghi del solito: utilizzare un seggiolino auto adeguato (installato come da istruzioni d’uso), allacciare le cinture di sicurezza nel modo corretto e, se il minore trasportato è di età inferiore ai quattro anni, dotarsi di un modulo antiabbandono

Il mezzo è un’illustrazione creata per l’occasione da Roberta Rossetti, i protagonisti sono due bradipi raffigurati nella classica posa che li caratterizza: simbolo di lentezza e prudenza, sono esseri docili abituati a muoversi con i propri piccoli attaccati al busto. In questo caso, oltre alla classica presa, la mamma bradipo ha anche assicurato il piccolo con due cinture per aumentarne la sicurezza. Ad avvalorare ulteriormente il senso, il cucciolo è raffigurato con in mano un’automobile giocattolo (chiaro richiamo ai viaggi in auto umani), mentre l’adulto trasporta una valigia come simbolo evidente di vacanza.

Dei piccoli gesti quotidiani che possono però salvare una vita, delle semplici accortezze che in vista dei lunghi spostamenti in auto date le ferie estive, fanno davvero la differenza. 

Paola Agostini (sissi_mum)

Founder, director and editor in chief at SissiWorld

Photographer

https://www.sissiworld.net/aboutme/

You May Also Like

Gnocchetti sardi al pomodoro: la ricetta che farà innamorare i vostri bambini

Athleisure: un trend che abbraccia anche l’universo bambino

Mascherine bambini: tutti i modelli più cool

Prima elementare: cosa serve davvero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *