Vivi il meglio dell’eleganza italiana: le ville più esclusive della Toscana

La campagna toscana rappresenta una delle destinazioni più amate dai turisti stranieri e italiani: in una scenografia d’eccezione, in cui i simboli del paesaggio diventano essi stessi meta turistica, è possibile trascorrere una rilassante vacanza.

Una vacanza in villa in Toscana significa poter poggiare il proprio sguardo quotidianamente su colline, uliveti, vigneti a perdita d’occhio, borghi antichi, filari di cipressi, assistere a tramonti unici.

…”I cipressi che a Bolgheri alti e schietti
Van da San Guido in duplice filar,
Quasi in corsa giganti giovinetti,
Mi balzarono incontro e mi guardar.”…

E’ l’ode Davanti a San Guido, del poeta e scrittore Giosuè Carducci, primo autore italiano a ricevere il Premio Nobel per la Letteratura nel 1906: soggiornare in una villa, dotata di ogni comfort, e ammirare le stradine bianche costeggiate dai filari di cipressi, magari sorseggiando un buon vino accompagnato da un tagliere di salumi e formaggi locali, rappresenta uno di quei piccoli lussi che ogni tanto dovremmo regalarci.

Le ville più esclusive della Toscana: la base di partenza per tanti itinerari

Soggiornare in una delle ville più esclusive della Toscana, con piscina, sauna, grandi spazi come giardini e uliveti, rappresenta già di per sé una splendida vacanza all’insegna della pace, del relax e sicuramente delle eccellenze enogastronomiche italiane.

Tuttavia, facendo base in queste stupende ville, a seconda della zona potrai scegliere itinerari turistici unici, che renderanno la tua vacanza davvero indimenticabile.

Ecco qualche esempio.

La piana di Lucca

La zona della Lucchesia è costellata da veri e propri “palazzi di campagna”, costruiti dai ricchi mercanti lucchesi dal XV secolo: potete visitare la Villa Reale di Marlia, a Capannori, che ospitò la sorella di Napoleone e dove suonò anche Paganini. A San Pancrazio, sono visitabili Villa Oliva Buonvisi e Villa Grabau, entrambe cinquecentesce con lussureggianti giardini. Infine, a Camigliano, Villa Torrigiani è una piccola reggia ispirata a Versailles con tanto di grotte, giardini, teatro-giardino e fontane.

Da non perdere, ogni anno a Marzo, il cosiddetto Borgo delle Camelie: una mostra di antichissime camelie, con ben mille esemplari, nei paesi di Pieve e Sant’Andrea di Compito, nel comune di Capannori.

Val d’Orcia

Il paesaggio costituito da colline, calanchi e cipressi a sud di Siena è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità UNESCO: Pienza, Montalcino, San Quirico… in questa zona si possono visitare cantine, scegliere trekking a piedi o in bici, o semplicemente perdersi tra le stradine che percorrono le colline.

Chianti

Tra Firenze e Siena, Gaiole, Radda e Castellina si unirono già nel 1384 nella Lega del Chianti, adottandi il simbolo del famoso gallo nero: oggi la zona è stata notevolmente ampliata grazie alla sua vocazione prettamente vinicola.

Oltre a eventi legati proprio a questa tradizione, come Cantine Aperte a maggio e Calici di Stelle ad agosto, vale la pena visitare la Certosa di Pontignano a Castelnuovo Berardenga e il complesso monumentale di Sant’Appiano  nel comune di Barberino Tavarnelle.

Paola Agostini (sissi_mum)

Founder, director and editor in chief at SissiWorld

Photographer

https://www.sissiworld.net/aboutme/

You May Also Like

Idee viaggio primavera: Basilicata

Mercatini di Natale in Val Gardena 2023

Mercatini di Natale in Alto Adige 2023

BELGIAN BEER WORLD: UN TEMPIO DEDICATO ALLA BIRRA BELGA NEL VECCHIO CUORE FINANZIARIO DI BRUXELLES

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *